martedì, Novembre 19, 2019
Home > Cronaca > Il lupo perde il pelo ma…

Il lupo perde il pelo ma…

Domenica 10 luglio: sono appiedata perché mio marito è di turno in ospedale. Fosse un giorno feriale non ci sarebbe da preoccuparsi… di corriere ormai, qui nella Valle di Vado Ligure, se ne vedono ogni venti minuti, ma oggi è giorno festivo. Chissà cosa dicono, in proposito, i nuovi orari? Vediamo, ecco: … dunque, dunque… Allora: c’è un 6 barrato che arriva fino a Vado, partenza alle 16.58′ dalla fermata della Valle. È perfetto. Ci sarà, però?, mi domando. Ma certo che ci sarà, mi rispondo, gli orari sono freschi freschi di stampa, figuriamoci… Mi preparo con largo anticipo, non devo assolutamente perdere il bus, perché il successivo transita solo alle 17.58′. Per lo stress di non perderlo, giungo sulla strada addirittura quando sta transitando il bus precedente delle 16.24′, che perdo per pochi attimi. Non ha importanza: sarei giunta sull’Aurelia con troppo anticipo!

Meglio aspettare che giungano le 16.58′, minuto più, minuto meno. Aspetto fiduciosa. Aspetto.Aspetto. Sono le 17 e nessun pullman ha percorso la via per giungere a Sant’Ermete, girare e caricarmi per portarmi sull’Aurelia. Alle 17 e 5 minuti, sentendomi sconfitta, mi incammino a piedi verso il mare. Alle 17 e 14′ vedo transitare un cosiddetto ‘bus navetta’, piccolino, bianco che percorre la strada verso Sant’Ermete. Giungo alla fermata intermedia tra la fermata in Valle e la fermata del Molo 8.44: siedo e aspetto, quando il pullman ritornerà in giù, mi caricherà e mi risparmierò almeno un pezzo del percorso.  Aspetto fiduciosa. Aspetto. Aspetto. Sono le 17 e 30′ e non scorgo nessun pullman. Ho uno strano presentimento e sono in ritardo già di mezz’ora: borsa in spalla e ricomincio il cammino. Un passo dopo l’altro e mi giunge una telefonata sconosciuta: mia madre che mi attende sul lungomare ha allertato una gentile signora che si è premurata di telefonarmi. ‘Sto arrivando’, dico, mentre ogni tanto mi guardo dietro le spalle per vedere se c’è traccia del pullman navetta. Giungo sull’Aurelia e ringrazio la signora dell’interessamento. Per uno strano caso del destino, è anche la mamma di un mio amico. Parliamo un poco, e mi informa che poco prima una signora ha perso il pullman per la Valle perché è partito con largo anticipo! Con mia madre, ripercorro la strada verso il Comune e poi oltre le scuole elementari, ed ecco che vedo, bello bello, scendere giù il pullman navetta. Sono più o meno le 18.  Un’intera corsa è sparita. Il lunedì mattina telefono a Tpl Linea, per chiedere spiegazioni. Alla prima telefonata “c’è la linea occupata”. Alla seconda telefonata “sono in riunione”, ma si informeranno e mi faranno sapere; se ho la cortesia di richiamare nel pomeriggio… Alla terza telefonata mi chiariscono che, se voglio presentare un reclamo, devo farlo per iscritto: indagheranno e mi risponderanno. Forse, se me l’avessero detto subito, e non dopo tre telefonate… Avviso che farò sapere quando il pezzo sarà pubblicato sul giornale. La parola ‘giornale’ spalanca l’accesso all’ufficio stampa e finalmente… mi faranno sapere. Pubblico quindi queste righe tratte dalla mail della responsabile dell’ufficio stampa Tpl, Sara Piccardi: “… Anche perchè, in casi come questi, una volta identificato l’autista la procedura è univoca, ovvero viene redatto il rapporto dell’accadimento che rappresenta una sanzione disciplinare, salvo verifica di espresse disposizioni date all’autista dall’Ufficio Movimento. In questo caso, appunto, l’autista è stato disciplinarmente sanzionato. Spiacente per il disguido, e scusandoci per il disservizio causato…”.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *