martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > Il Movimento Cinque Stelle su tassa di soggiorno e chiusura delle biglietterie FS

Il Movimento Cinque Stelle su tassa di soggiorno e chiusura delle biglietterie FS

 

Il Movimento Cinque Stelle regionale,ha ieri diffuso due comunicati su problematiche di attualità:

“Troppe differenze tra comune e comune: serve un’unica tassa di soggiorno per tutto il Tigullio con tariffe equiparate e identiche modalità di applicazione.”

Lo dice Fabio Tosi, portavoce del MoVimento 5 Stelle Liguria, che già qualche settimana fa’ era intervenuto sul tema con una mozione, depositata in Consiglio regionale, per chiedere un rendiconto annuale su come vengono reinvestiti i fondi della tassa di soggiorno in Liguria. Ora l’attenzione del consigliere regionale si concentra sul Levante genovese, dove sostiene esista una forte sperequazione nell’applicazione della tassa tra i principali comuni.

“Non si capisce il perché di differenze tanto marcate tra il Tigullio occidentale (che comprende Portofino, Santa Margherita, Rapallo e Zoagli, ndr), dove la tassa di soggiorno arriva sino ai 4 euro per dieci giorni di pernottamento, e il Tigullio orientale, dove non supera i 2 euro per soli 3 giorni consecutivi: un divario fin troppo evidente che rischia di creare problemi e criticità anche agli operatori del settore turistico” prosegue il consigliere Tosi.Siamo di fronte a una vera e propria giungla che, peraltro, non è esclusiva del Tigullio ma riguarda l’intero territorio italiano, dove si registrano addirittura 500 tipologie diverse di tasse di soggiorno, senza peraltro nessuna regola o parametro chiaro su come quelle risorse saranno reinvestite, come abbiamo ribadito con la nostra mozione. Su questo tema abbiamo aperto a un dibattito con tutti i soggetti interessati, illustrando agli operatori del settore la nostra mozione e chiedendo loro spunti e suggerimenti. Purtroppo, a distanza di un mese esatto, non abbiamo ricevuto ancora nessuna risposta. Noi stiamo facendo la nostra parte per risolvere i nodi del turismo ligure, ma, se vogliamo raggiungere dei risultati, abbiamo bisogno della partecipazione e dell’impegno di tutti.”

La seconda presa di posizione riguarda la chiusura, da parte di Trenitalia, di sei biglietterie:

“Sei biglietterie liguri rischiano di essere chiuse, creando una grave lacuna al servizio ferroviario, all’assistenza e alla sicurezza di utenti e lavoratori. Non ci basta il solito ritornello sulle risorse che mancano: l’assessore Berrino alzi la voce e faccia pressing su Trenitalia per fermare la chiusura di questi importanti presidi ed evitare nuove cattedrali nel deserto.”

Lo ha detto oggi Marco De Ferrari, portavoce del MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria, presentando un’interrogazione sul tema in Consiglio regionale.

“Tra chiusure definitive, invernali o temporanee, ben sei stazioni si ritroverebbero prive di biglietteria: si tratta di Taggia-Arma, Pegli, Pietra Ligure, Loano, Varazze e Recco – così si esprime il portavoce M5S – le stazioni senza presidio (vedi Diano Marina) sono veri e propri non-luoghi dove regna degrado e delinquenza, sia a terra che a bordo, con gravi rischi per gli utenti ma anche per il personale e i capitreno, troppo spesso abbandonati a se stessi, come denunciato recentemente da Orsa Ferrovie in un dettagliato dossier. Le risorse ci sono, come dimostra l’esagerato investimento di 23 milioni di euro sulla bigliettazione elettronica. Basta solo la volontà politica per recuperarle.”

“Il nuovo, eterno, contratto di servizio della durata abnorme di 15 anni non sia una fotocopia di quello precedente: non lasciamoci abbagliare dal solo rinnovo parco mezzi, che non è la panacea di tutti i mali – prosegue De Ferrari – Siano calendarizzate al più presto le sottocommissioni decise il 18 ottobre scorso in Commissione Trasporti, mettendo al centro del nuovo Cds le esigenze di utenti e lavoratori emerse in quelle audizioni. Il nuovo contratto di servizio dovrà garantire non solo un servizio migliore ma anche mantenere e potenziare le biglietterie a rischio e garantire quei presidi indispensabili per la sicurezza di utenti e lavoratori.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *