Attualità

Il nuovo svincolo Margonara dell’Aurelia bis

Il presidente del Comitato Casello Albamare, Paolo Forzano, interviene in merito al recente incontro tra il sindaco di Savona, Federico Berruti, e l’assessore regionale alle infrastrutture, Raffaella Paita, in cui è stato discusso il tema dello svincolo Margonara che, si dice, possa alleggerire di circa la metà il traffico sulla via Aurelia.

“Si possono mettere in conto alcune speranze ma anche molte perplessità. – afferma Paolo Forzano –  Speranze: è noto che l’Aurelia bis senza lo svincolo Margonara servirà molto poco. Speranze perchè nessun analista dice ciò. Un paio di esempi. L’ing. Cuneo di Italia Nostra valutava un beneficio dell’8% e non del 50%; il PUMT 2010 di Savona metteva in evidenza che circa l’80% del traffico che proviene da Albissola verso Savona vuole andare nel triangolo ospedale-porto-piazza Mameli. Speranze che tutti i cittadini vorrebbero si verificassero, ma le speranze cozzano contro le realtà dei numeri e dei flussi di traffico. Tutti vorremmo che l’Aurelia bis avesse almeno l’uscita da Albisola verso il centro di Savona, ovvero ristabilire quella funzionalità che la soppressione dello svincolo Margonara ha tolto all’opera. Però devo osservare che la vostra richiesta all’ANAS di inserire, come variante all’Aurelia bis attuale, la progettazione di una variante che preveda l’uscita Albisola verso funivie centro Savona presenta una serie di criticità. Intanto la soppressione dello svincolo Margonara ha portato ad una progettazione definitiva ed ad una approvazione e finanziamento da parte del CIPE di un progetto “senza” tale svincolo e funzionalità. Inoltre l’appalto è stato effettuato “senza lo svincolo Margonara” o funzionalità equivalente, e pertanto anche senza i fondi economici relativi. Il vincitore dell’appalto ha redatto un progetto esecutivo “senza svincolo Margonara”.  Pertanto, poichè lo svincolo Margonara era uno “svincolo pesante” sotto l’aspetto “funzionale” ed “economico” progettare una suo equivalente sostituto sarà nuovamente “pesante” sotto l’aspetto progettuale ed economico, ma anche sotto l’aspetto approvativo. Credo infatti che tale “variante” al progetto approvato debba passare attraverso un percorso di approvazione simile all’opera originale, ovvero anche attraverso una procedura di VIA ed attraverso una approvazione da parte del CIPE, ed attraverso una nuova fase di finanziamento. Tutte fasi che comportano un lungo periodo temporale, e che cozzano contro i tempi di realizzazione dell’Aurelia bis in cantieri oggi”. L’intervento, si conclude ponendo una domanda al sindaco e all’assessore: “Come pensate possa porsi la vostra proposta di “variante” nei confronti della tempistica di realizzazione del’Aurelia bis, ovvero quali sono i tempi di progetto di approvazione e di finanziamento della “variante” di cui avete fatto proposta?”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: