mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Attualità > Il Parco di Portofino diventa nazionale: c’è chi storce il naso…

Il Parco di Portofino diventa nazionale: c’è chi storce il naso…

Il Movimento Cinque Stelle regionale, per voce del suo esponente Marco De Ferrari, esprime dubbi, senza mezzi termini, sull’istituzione del Parco Nazionale, attualmente è regionale, di Portofino e così si esprime: “Il Parco di Portofino è sotto attacco, minacciato da un disegno di legge del Governo che, se passerà in Parlamento, darà mano libera ai partiti del cemento e della caccia, a tutto danno dell’ambiente, della flora e della fauna.
Dietro la trasformazione in parco nazionale, si nascondono le vere intenzioni del Pd e del governo di cui è azionista di maggioranza, che con la legge “Sfascia-parchi” aprirebbe di fatto la strada a vertici dell’ente nominati dai partiti e selezionabili anche senza specifiche competenze, alla caccia in deroga e all’apertura alle attività estrattive, e infine a nuove possibili urbanizzazioni.
In Commissione Ambiente e Territorio abbiamo avuto la conferma che, dietro al l’Ordine del giorno Pd, si nasconde soltanto una fulminea accelerata a questo processo. E sulla stessa linea sono importanti associazioni ambientaliste come Italia Nostra e Wwf, le quali hanno fatto notare che, come riportato esplicitamente nelle modifiche all’articolo 34 della legge 394/91, questo passaggio di competenze porta appresso trappole e tranelli tra cui:
– una drastica riduzione del 40% dei già esigui fondi a disposizione (si passerebbe da 1,65 milioni di euro attuali a 1 milione di euro);
– ‎un preoccupante effetto domino sugli altri parchi nazionali, compreso quello delle Cinque Terre, che vedrebbero proporzionalmente ridursi il proprio budget a disposizione, restando invariata la somma totale a livello nazionale da distribuire;
– ‎possibili anche nuove perimetrazioni, che potrebbero risultare addirittura più limitate rispetto alle attuali.
Insomma, l’ennesimo attacco speculativo da parte di un partito, il Pd, che a parole si schiera a difesa dei parchi, ma nei fatti lavora per ridurne e depauperarne le risorse già minacciate da risorse ridotte ormai al lumicino e colate di cemento bipartisan.
Il M5S è l’unica forza politica a dar voce a tutte le associazioni ambientaliste e ci impegneremo a tutti i livelli istituzionali per preservare il ruolo dei parchi e delle riserve naturali, a garanzia di una sempre più efficace conservazione della Natura e delle sue risorse”

A parte questo punto di vista, un po’ radicale, è Italia nostra a sollevare dubbi, nell’immediato, forse più attinenti; infatti, come si apprende da “greenreport.it”: “Italia Nostra plaude all’idea di trasformare il Parco regionale di Portofino in Parco Nazionale, con l’accorpamento in un unico ente statale di gestione anche della adiacente Area Marina Protetta, ma aggiunge che «approfondendo gli atti parlamentari, ha scoperto che si sta elaborando una soluzione in stile “nozze coi fichi secchi”».

il disegno di legge di modifica della legge quadro sulle aree protette 394/91, (S. 119 ed abbinati) attualmente all’esame della Commissione ambiente del Senato, dopo un primo passaggio in aula a Palazzo Madama nel novembre 2016 e successive modifiche alla Camera, prevede all’art. 25 la nascita dei nuovi parchi nazionali di Portofino e del Matese.

Le critiche esposte anche oggi da Italia Nostra durante un’audizione alla Commissione territorio ea mbiente della Regione Liguria, riguardano «il fatto che il finanziamento ordinario dei due nuovi parchi nazionali avverrebbe sottraendo 1 milione di euro l’anno per Portofino, e due milioni di euro annui per il nuovo Parco nazionale del Matese, dal bilancio complessivo di tutta la rete dei parchi nazionali italiani, incluso quello delle Cinque Terre».

Gli ambientalisti denunciano che «In pratica con la medesima cifra a disposizione del ministero dell’ambiente si dovrebbero finanziare due nuovi parchi nazionali, mentre quelli già esistenti in Italia dovrebbero stringere la cinghia. Inoltre la somma degli attuali stanziamenti per il parco regionale terrestre , erogati dalla Regione Liguria, e per l’Area marina protetta (erogati dallo Stato tramite il ministero dell’ambiente), è di gran lunga inferiore al milione di euro che la legge statale in discussione garantirebbe».

Itlia Nostra conclude: «Dalla declamata opportunità di maggiori risorse certe si sta dunque passando ad una ipotesi gestionale basata su ulteriori tagli. Con questi presupposti il nuovo parco nazionale, come prospettato nel disegno di legge all’esame del Senato (relatore il sen. Caleo), nascerebbe già zoppo».

E’ da dire che conciliare protezione ambientale, moderato sviluppo e spese di gestione è forse oggi molto difficile; e d’altronde la creazione di nuovi parchi può essere sentita, in taluni contesti, come necessaria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *