giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Attualità > Il passato attraverso il presente per un futuro migliore

Il passato attraverso il presente per un futuro migliore

Due manifestazioni importanti hanno caratterizzato il nostro fine settimana cittadino: il 22°Raduno
Alpino 1° Raggruppamento rappresentato da Liguria,Piemonte, Valle d’Aosta e Francia e il 40° Trofeo
Medaglia d’Argento – Presidente della Repubblica organizzato dall’ Associazione Canottieri Sabazia.
L’incrociarsi di eventi promossi da una parte per motivi agonistici e dall’altra per onorare i meriti civili e
militari del Corpo, ed entrambi creando un intenso coinvolgimento della cittadinanza,
senza necessariamente ripercorrere nei dettagli il programma dei protagonisti e tralasciando di citare per
nome quanti hanno contribuito, tra amministratori e privati e responsabili dell’organizzazione delle sfilate
e dell’apparato agonistico, appare necessario e importante evidenziare quei valori civili e umani che sono
diventati i veri protagonisti di questo straordinario incrocio tra passato e presente, tra generazioni
protagoniste di eventi di importanza nazionale e storica e quelle che, nella maggior parte, specialmente
giovani, hanno potuto e possono godere di quelle eredità. Questo positivo confrontarsi, di gente di mare
con gente di montagna, di gente impegnata a diffondere valori umani speciali e sacri si è materializzato
nell’incrociarsi, all’ombra di uno dei maggiori simboli della nostra città, la Torre Leon Pancaldo; quando
le note dei cori e delle fanfare degli Alpini, presenti in un numero intorno ai 10.000 e più, hanno avuto il
contrappunto di quelle dell’Inno di Mameli che risuonava dal palco delle premiazioni accanto al ponte
mobile nello specchio d’acqua della Darsena, molti dei numerosissimi presenti hanno provato sentimenti
che superano l’individualismo, l’indifferenza che sta per soffocare il vivere civile e hanno provato
emozioni, pelcuni, sepolte nelle problematiche del quotidiano e per altri dimenticate nelgli eventi che
risalgono alla Liberazione: si è creata una energica onda di sentimenti e di presa di coscienza di
appartenere a una comunità che supera ogni tipo di confini e barriere tra persone di diversa provenienza e
cultura, essendo presenti rappresentanti ungheresi e rumeni per le gare di canottaggio e francesi
partecipanti al raduno alpino.
Già durante le conferenze stampa si è evidenziato l’impegno, l’interesse e l’appoggio a 360° da parte delle
autorità e istituzioni, segnato dalla presenza dei loro rappresentanti, ma si è pure rimarcato la necessità di
un coinvolgimento da parte delle nuove generazioni suscitando l’interesse allo sport in genere e attraverso
la didattica soprattutto l’analisi di un passato che con i suoi protagonisti testimonia quanti si siano
sacrfificati per il nostro libero vivere in democrazia come pure è rivolto soprattutto ai giovani l’impegno
per salvaguardare la salute del nostro prezioso mare.
A queste considerazioni ciascun lettore, in particolare chi è rimasto coinvolto dalle numerose presenze
provenienti dalle altre regioni come anche dall’Ungheria e dalla Romania, paesi di provenienza di alcuni
equipaggi, può aggiungere particolari e sensazioni personalissime con l’auspicio che questo sano
nutrimento raccolto nel crogiolo della nostra Città grazie al contributo umano degli Alpini e degli Atleti e
da questi eventi apparentemente lontani l’uno dall’altro crei un migliore futuro per tutti e faccia suscitare
nelle coscienze quei valori che sono indispensabili per la collaborazione tra le genti e mantenere la pace.
Fra momenti più significativi per gli Alpini c’è la consegna del premio quale Alpino dell’anno a Don
Emidio Boledi, ordinato diacono nel 2000, e che fa parte della Sezione di Piacenza e si dedica
quotidianamente alle piccole comunità piacentine di montagna.
Bisogna inoltre notare che Savona è legata in modo particolare al corpo degli Alpini perchè questo è stato
creato dal Generale Agostino Ricci al cui nome si affiancano numerosi uomini illustri del passato remoto
e recente: Leon Pancaldo va citato perchè segna un punto di coincidenza tra Alpini e Atleti del mare
perchè la dimora dell’Ammiraglio è stata scelta come sede della sezione ANA di Savona, trovandosi
proprio ad un capo del corso dedicato al Generale. Infine il Trofeo Medaglia D’Argento Presidente della
Repubblica, conquistato dalla Canoa San Giorgio in questa 40ma edizione, è nato per l’assenso del
Presidente Sandro Pertini, cittadino onorario della nostra città.
Fra le iniziative recentemente avviate dai Canottieri Sabazia, è stato presentato per la prima volta il
progetto Paddleability, che è affiancato dall’AIAS e dalle moto d’acqua di Fabio Incorvaia con il progetto
Jet Sky Therapy. Durante la competizione si è potuto vedere quanto importante sia il coinvolgimento
delle persone diversamente abili e del loro entusiasmo, che ha gratificato l’impegno dei tutor e del
personale che assiste durante la fase di preparazione e degli allenamenti.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *