lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Cultura e Musica > Il ringraziamento del generale Manfredi

Il ringraziamento del generale Manfredi

Caro Rossello, ringrazio, prima di tutto, lei e il Direttore del giornale, Roberto Pizzorno, dell’attenzione che avete dedicato agli argomenti che ebbi il piacere di esporre a Savona nel quadro della presentazione del volume “La seconda campagna d’Italia di Napoleone Bonaparte”. Mi complimento, poi, personalmente con lei per l’appassionato e dotto articolo che ha voluto gentilmente farmi pervenire. Non nego che mi lusingano anche gli apprezzamenti espressi nei miei confronti.

Lei ha colto l’aspetto a mio parere più importante della mia tesi storica. Napoleone è tuttora conosciuto (peraltro superficialmente) attraverso stereotipi, positivi o negativi che siano, che lo relegano nel suo tempo. Non si coglie ancora in sufficiente misura che il Personaggio ha ancora al giorno d’oggi molto da insegnare non solo agli strateghi militari ma soprattutto ai responsabili di governo. Basti pensare alle sue riforme civili che hanno, a mio parere, un valore storico ancor maggiore delle sue vittorie militari. Ad esse varrebbe, tra l’altro, la pena di dedicare un’apposita conferenza. Occorre, però, avere il coraggio di scrollarsi di dosso i citati stereotipi e affrontarne lo studio con spirito critico e moderno metodo storico.

Ancora complimenti e un cordialissimo saluto,

Luigi Manfredi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *