mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Attualità > Il Segnonews chiude i battenti: “A tutto c’è un limite, chiamato rispetto”

Il Segnonews chiude i battenti: “A tutto c’è un limite, chiamato rispetto”

il segnonewsIl Segnonews, il noto giornale on line del comune di Vado Ligure nato nel 2012, ha ufficialmente annunciato la propria chiusura. La redazione, composta tutta da giovani giornalisti di età dai 18 ai 36 anni, ha comunicato le proprie dimissioni in blocco dopo le nuove condizioni proposte dalla giunta comunale, ritenute insostenibili: di seguito l’editoriale del caporedattore della testata vadese Andrea Ghiazza:

Questo, forse, è l’articolo più difficile che io abbia mai scritto. Chi mi ha preceduto alla direzione del giornale mi ha sempre insegnato che la “notizia”, ciò che più vale la pena di essere sottolineato, deve essere scritta nelle prime cinque righe di ogni articolo. Per questo parto dal fondo, dai ringraziamenti. Grazie a chi ogni giorno ci ha letto, grazie a chi ha costruito con noi questo sogno, grazie a chi ci è stato vicino sempre nei periodi più sereni così come nelle difficoltà. Un grazie e un abbraccio ai precedenti direttori: Mario Muda e Raffaele Di Noia. Il viaggio è stato possibile anche grazie a loro che ci hanno tenuto la mano per lungo tempo e ci hanno fornito gli strumenti per imparare. E un grazie anche a noi: a chi ha visto nascere questa avventura e l’ha cullata nel cuore e nella mente ma anche a chi è arrivato solo poche settimane fa e ha subito sposato il progetto. Grazie soprattutto alla nostra passione chiave di lavoro e di vita. Grazie a chi ci ha bonariamente maledetto, grazie a chi ci ha messo la faccia. Grazie all’Amministrazione precedente, la giunta Caviglia, che ha dato la possibilità ad un gruppo di giovani di affacciarsi al mondo dell’informazione e di realizzare insieme un laboratorio di giornalismo.Grazie anche all’Amministrazione Giuliano, insediatasi a maggio 2014, per aver provato con i propri mezzi a supportare il nostro lavoro, cercando risorse che, come tutti noi ben sappiamo, in questo periodo di profonda crisi locale e nazionale è sempre più difficoltoso trovare. Purtroppo nemmeno la richiesta di un giornale allargato, con il supporto di altri Comuni, è andata a buon fine. Sappiamo anche quanto grave e complessa sia da gestire la situazione lavorativa vadese, di cui noi non rappresentiamo che una piccolissima parte.

Sappiamo infine come la nostra realtà sia nata privilegiata: nessun Comune ligure, nemmeno il capoluogo Genova, guidato da Marco Doria e dalla sua giunta giovane e aperta alle innovazioni della comunicazione, ha a disposizione una testata giornalistica. Ma con la sola passione, anche quella più irrefrenabile, non si campa. Mi trovo quindi a scrivere queste righe che mai e poi mai avrei pensato di dover mettere nero su bianco. Siamo arrivati al capolinea e ci apprestiamo a scendere noi prima che il controllore ci inviti a farlo. Ce ne andiamo di nostra scelta a malincuore dopo oltre due anni di strada percorsa insieme piena di fermate tra salite e discese. Ma lo facciamo decisi che la direzione intrapresa sia quella giusta per tutti. Soprattutto perché un anno di promesse e vane speranze è fatto di 365 lunghi giorni, che sono trascorsi in un susseguirsi di richieste di chiarezza e coraggio all’Amministrazione per metterci di fronte a quella realtà che piano piano si stava delineando. Richieste a cui sono arrivati, di ritorno, rinvii, risposte vaghe, comunicazioni per vie traverse e mai ufficiali e promesse a lungo termine a cui ci siamo aggrappati con speranza. Sappiamo quanto un primo cittadino possa essere impegnato, tuttavia ci ha sorpresi la sua unica visita in redazione: quella per l’intervista pre-elettorale. Visti i tagli saremmo stati disposti a “barattare” la prestazione di servizio in cambio del comodato gratuito della sede ma non siamo disposti a oltrepassare un ultimo limite. Limite che si chiama rispetto. Gli scorsi giorni è arrivata una sorpresa: continuare il servizio alle condizioni di zero euro di contributo per il lavoro, comodato d’uso della redazione e pagamento a nostro carico delle bollette e dei costi d’utenza. Tutto questo ci è stato detto dalla segreteria, nessuna comunicazione diretta da parte della giunta. La crisi sul territorio è talmente forte che addirittura costringe il Comune a richiedere il pagamento delle utenze a chi già lavora senza compenso economico.

Ma le sorprese arrivano anche dal web: una neonata pagina Facebook intitolata “Comune di Vado Ligure–Staff di Comunicazione” con tanto di spiegazione delle nuove campagne informative che saranno a breve promosse dall’Amministrazione comunale vadese. Un canale parallelo al nostro aperto nel silenzio più assordante. Lasciamo perdere le scelte: ognuno è libero di agire come meglio crede ma almeno deve assumersi le responsabilità. Sia chiara una cosa: nessuno pensava di ricavare da questa avventura innumerevoli posti di lavoro tanto meno la più minima stabilità economica. Il contributo che ci veniva fornito annualmente non avrebbe permesso neanche a una persona di vivere dignitosamente. Rappresentava però uno stimolo per proseguire il cammino intrapreso anni fa offrendo ai giovani la possibilità di accedere alla professione di giornalista. Non occorre aggiungere altro: per tutti questi motivi ce ne andiamo, a testa alta ma ce ne andiamo. Prima di lavoratori, giornalisti e professionisti siamo Persone. Persone che pensano di meritare rispetto per il contributo che ogni giorno hanno portato e portano sul campo. Persone che non ci stanno a essere calpestate in nome di un sogno che è stato investito a folle velocità senza preoccuparsi delle conseguenze. Meritiamo rispetto così come lo meritano i nostri lettori che non hanno mai fatto mancare affetto, stima e vicinanza. A loro va il nostro personale abbraccio per la riconoscenza mostrata. Solo con loro e per loro saremmo stati disposti ad andare avanti nonostante le difficili condizioni economiche. Abbiamo trascorso sabati e domeniche, notti intere per offrire un servizio che fosse il più puntuale e preciso possibile. Nessuno, però, ha mai guardato l’orologio, ve lo assicuro. Ora però come in tutte le storie più belle siamo di fronte a un bivio. La scelta è dolorosa ma deve essere fatta almeno da chi ha il coraggio di non stare in silenzio. Lasceremo la sede così aiuteremo noi stessi il Comune a combattere gli sprechi. La redazione sarà presto vuota così come il cuore per un progetto in cui al primo posto ci sono stati impegno, dedizione e sacrificio. Ci lasciamo l’anima lì dentro unita ai tanti ricordi che legano un gruppo di cui andare fieri comunque vadano le cose. Ci siamo guardati in faccia in questi giorni, come sempre.

La decisione non poteva che essere questa. Il bicchiere di questa esperienza è però mezzo pieno. Ci apprestiamo ad avviarci all’uscita con una ricchezza che non ha prezzo: aver instaurato con il territorio e con chi lo vive ogni giorno un rapporto diretto, quasi intimo. Non dimenticheremo mai i tanti cortei seguiti con i lavoratori, le “dirette” durante le allerte meteo, i messaggi di affetto di chi per trovare lavoro è emigrato da Vado Ligure per una seconda vita in Francia. Ci si possono rimproverare tante cose ma non quella di essere stati leali, corretti e disponibili. In una fortunata rubrica in cui la città si è mostrata nelle sue infinite sfumature abbiamo sempre scritto “Vado è…ci mette la faccia”. E anche noi lo abbiamo fatto senza risparmiarci, oggi come ieri. I rapporti, di qualsiasi genere siano, si stringono sempre in due e quando si spezzano la colpa è sempre da dividersi. Noi paghiamo lo scotto di aver inseguito un sogno attraverso un’esperienza unica nel panorama dell’editoria. Le utenze, invece, proprio non le paghiamo. Le lasceremo in eredità ai “fortunati” che verranno dopo di noi. Consapevoli che, tolti gli scatoloni di effetti personali, rimarranno al Comune i bei tavoli, i computer e le attrezzature così come li avevamo trovati. Vogliamo però chiudere come avevamo iniziato. Con un sentito “grazie” a tutta una città che ci ha sospinto e ci ha fatto sentire un po’ “vadesi”. È stato un onore, l’obiettivo iniziale è stato raggiunto: lasciare un segno, piccolo o grande non importa, in tutti voi. Addio Vado Ligure, o forse, solo arrivederci”.

Michele Alluigi

One thought on “Il Segnonews chiude i battenti: “A tutto c’è un limite, chiamato rispetto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *