domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Il servizio di consegna delle raccomandate postali, tutto da ridere…

Il servizio di consegna delle raccomandate postali, tutto da ridere…

Che il servizio relativo alla consegna delle raccomandate postali sia sempre stato tortuoso e difficile è cosa nota, ma adesso, negli ultimi mesi è diventata una vera comica e rappresenta per gli utenti, un grandissimo disagio. Meglio fare degli esempi pratici per capirci. In data giovedì 18 luglio, tornando a casa alle ore 13.00 circa, trovo nella cassetta delle lettere il biglietto (peraltro lungo mezzo metro..), con l’avviso di andare a ritirare una raccomandata a me intestata, che il postino non mi ha potuto rilasciare, non essendo in casa. Guardo l’ora della consegna e noto che il postino è giunto a casa mia alle ore 10.40. Chiedo a voi, è logico portare una raccomandata alle ore 10.40 a casa delle persone che, evidentemente a metà mattinata, non sono certo a casa ad aspettare il postino, ma che si trovano al lavoro o per i fattacci propri. Ma il bello deve ancora venire, leggo che la raccomandata si può ritirare solo in data martedì 23 luglio, ovvero ben 5 giorni dopo l’essere stata recapitata. Trovo tutto ciò assurdo e allucinante e, necessita di una presa di posizione sia da parte dell’utenza sia da parte dei dirigenti di Poste Italiane, che dovrebbero imporre di consegnare le raccomandate a casa delle persone in orari “più furbi”, quando le persone sono in casa, non certo alle 10.40 del mattino. Nel mio caso la raccomandata si poteva consegnare il venerdì o il sabato successivo al massimo, dal momento che gli uffici postali sono aperti anche il sabato mattina. È un grave disservizio e, per conto mio, quasi illegale la consegna di una raccomandata dopo 5 giorni. Martedì 23 luglio alle ore 8.20, mi sono presentato davanti all’ufficio postale per il ritiro e c’era già una lunga coda di persone con il bigliettino lungo mezzo metro, tutti in attesa di prendersi la loro raccomandata, tutti con il muso lungo e tutti arrabbiati, per le code estenuanti che bisogna fare. Ormai, entrare in un ufficio postale ed attendere il proprio turno, c’è da farsi venire i vermi. Ance questa è l’Italia dei disservizi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *