martedì, Novembre 19, 2019
Home > Cultura e Musica > “Il signor Bruschino” apre la la stagione dell’Opera Giocosa

“Il signor Bruschino” apre la la stagione dell’Opera Giocosa

Torna la stagione lirica autunnale del Teatro dell’Opera Giocosa: sabato 15 ottobre, alle ore 20.30, al teatro Chiabrera di Savona ci sarà “Il Signor Bruschino”, farsa giocosa per musica in un atto, di Gioachino Rossini (libretto di Giuseppe Foppa, da “Le Fils par hasard, ou Ruse et Folie” di Alissan de Chalet e Maurice Ourry, ossia “Il figlio per azzardo”; prima rappresentazione a Venezia, Teatro San Moisè, 27 gennaio 1813).

Per il nuovo allestimento della Giocosa, il M° Giuseppe La Malfa dirigerà l’Orchestra Sinfonica di Savona, regia e scene di Elisabetta Courir, light designer Alessandro Santarelli (scene e attrezzeria del Teatro dell’Opera Giocosa).Vediamo la trama. Florville (Francesco Marsiglia) raggiunge la sua amata Sofia (Linda Campanella, nella foto), presso il castello del tutore Gaudenzio (Simone Del Savio): vuole sposarla. Ma la cameriera Marianna (Sara Nastos) lo avvisa che il tutore l’ha promessa al figlio del signor Bruschino, che sta per arrivare e che nessuno ancora conosce. Florville scopre che questi è trattenuto nella locanda di Filiberto (Gianmaria Patrone), per i debiti che ha lasciato. Lui si finge un cugino, salda una parte dei debiti, a condizione che venga tenuto prigioniero ancora un po’. Ottiene dal locandiere anche la lettera con cui Bruschino si sarebbe presentato a Gaudenzio e si sostituisce a questi per sposare l’amata, visto che il tutore non ha mai visto neppure lui. In più, fa arrivare al tutore una finta missiva di Bruschino padre, in cui chiede che faccia arrestare il figlio perdigiorno e lo trattenga nel castello. A Florville non rimane che fare il ‘pentito’, facendosi arrestare di propria volontà e recitare i mea culpa davanti a Gaudenzio. Ma ecco che giunge Bruschino padre (Matteo Peirone), arrabbiatissimo per la condotta del figlio. Florville continua a fingere come fosse davvero suo figlio, questi crede di trovarsi nel bel mezzo di un complotto e vorrebbe chiamare un delegato di polizia. Il tutore di Sofia suppone che sia solo per la cattiva condotta del figlio che il padre non lo voglia riconoscere, e cerca di indurre Sofia a riportarlo con i piedi per terra. Quando giunge il delegato di polizia (Raffaele Feo), per provare l’identità del falso Bruschino figlio, si confronta la calligrafia di Bruschino padre con quella che sta sul foglio che Florville si è fatto consegnare dal locandiere: è chiaro che siano identiche. Interviene anche Filiberto, rivolgendosi a Florville con il nome di Bruschino, ed il povero padre è con le spalle al muro, confuso. Al tutore viene un sospetto: sarà mica tutta una messinscena per non osservare il contratto nuziale? Intanto, quando tutti escono dalla sala, il locandiere chiede a Bruschino padre il saldo del debito, che così viene a scoprire tutta la verità. Ora è in grado di chiarire tutto, ma scopre che Florville è il figlio di un senatore, grande nemico di Gaudenzio, ed è così che si prenderà la sua rivincita: lo riconosce come figlio e lo lascia sposare con l’amata. Il tutore si accerta che, dopo tutto tal trambusto, Sofia ami realmente quell’uomo, e acconsente al matrimonio. Ma ecco che fa il suo ingresso Bruschino figlio (Feo), quello vero…

La sua pupilla in sposa al figlio del suo maggior nemico! Ormai è troppo tardi, c’è solo il tempo per perdonare.
Anteprima per le scuole venerdì 14 ottobre, alle ore 11.
Biglietteria: ore 10-12, 16-19, dal lunedì al sabato, e un’ora prima della rappresentazione (platea: 30 euro, prima galleria: 23 euro, seconda galleria: 18; ridotti, anziani sopra i 65: 25-20-15 euro; giovani fino a 26 anni: 20-15-10 euro). Info: 019 8485974.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *