venerdì, Gennaio 24, 2020
Home > Attualità > Il Sindaco di Urbe difende il parco del Beigua

Il Sindaco di Urbe difende il parco del Beigua

Fabrizio Antoci, sindaco di Urbe, risponde alle polemiche sollevate a seguito dell’inclusione di una parte, esigua comunque, di territorio cittadino nel perimetro del Parco del Beigua: “Nessun passo indietro, ci mancherebbe, anzi passi avanti. Oltre duemila firme raccolte in questi mesi, firme di residenti, di non residenti proprietari di case e terreni ad Urbe, di villeggianti e di turisti: tutti innamorati del nostro splendido territorio e convinti, come noi, dell’importanza di entrare a far parte di un Parco Unesco, l’unico Parco Unesco della Liguria.
 
Importante perché il Parco, azzerate le comunità montane, è l’unico Ente che può fare da collante e da coordinamento nelle politiche di sviluppo, di turismo e di valorizzazione del territorio del nostro entroterra. Urbe è immersa nel Parco del Beigua ma è l’unico comune che ne è escluso con tutti i disagi di questa situazione: niente certificazione ai propri alberghi, ristoranti e b&b, niente marchio ai propri prodotti tipici, niente visibilità sui siti e sulle pagine dei social network del Parco. Ed inoltre nessuna manutenzione e segnaletica per una parte dei nostri sentieri e per le nostre aree picnic perché questi servizi il parco li fa gratuitamente solo per i Comuni aderenti.
Questi comuni, Arenzano, Cogoleto, Varazze, Genova, Masone, Campoligure, Rossiglione, Tiglieto, Sassello e Stella hanno detto tutti un convinto sì alla nostra richiesta di entrata nel Parco già nello scorso maggio. L’iter tecnico della nostra richiesta, a carico degli uffici del  Parco, si è poi  concluso positivamente a fine agosto e giace sul tavolo della Regione pronto per essere approvato.
Per questo adesso si è scatenata l’offensiva di Vaccarezza, un’offensiva tutta politica, finalizzata non al bene del territorio ma solo a giochi di potere. Una partita esclusivamente politica perché, come più volte detto, a diventare zona di Parco Naturale sarebbe solo il 2% del territorio di Urbe, sul restante 98% si potrà continuare ad andare a caccia. Questo 2% peraltro include anche la vasta zona dell’area picnic del Faiallo, zona meravigliosa ma di nessun valore venatorio e già soggetta a tutti i vincoli ambientali in quanto già zona ZPS e SIC. Tutto il Comune se ne gioverebbe, diventando Comune del Parco senza alcun ulteriore vincolo né per privati né per aziende.
Noi rappresentiamo una lista rigidamente civica – senza alcuna bandiera se non quella della difesa del territorio – ma pronti al dialogo con qualsiasi forza politica che comprenda quanto sia importante la sopravvivenza delle realtà rurali come Urbe e supporti ogni tentativo di sviluppo e di rilancio.
Nella maggioranza in Regione abbiamo trovato validi interlocutori, attenti alle esigenze dell’entroterra, con i quali già collaboriamo fattivamente per la strategia delle Aree Interne e con i quali siamo disponibilissimi a cercare soluzioni ma sempre con l’obiettivo non trattabile dell’entrata di Urbe nel Parco.
Viceversa ci batteremo fino all’ultimo con chi, come Vaccarezza, ce lo vuole impedire dicendo grossolane bugie, tipica modalità di fare politica “sporca” lontana anni luce dal nostro modo di pensare e di agire.      
Siamo disponibili fin da subito ad un dibattito pubblico dove Vaccarezza ci spieghi di quali -vincoli di legge- vada cianciando”.
Lo scorso luglio, dopo che il sindaco Antoci ed il consiglio comunale di Urbe avevano chiesto alla Regione l’ingresso di Urbe nel Parco del Beigua, per una porzione di territorio di 185 ettari, Angelo Vaccarezza, capogruppo di Forza Italia al Consiglio Regionale aveva dichiarato: “Urbe che necessita di promozione turistica e di sostegno alle attività che ancora hanno resistito, è un territorio che ha bisogno senz’altro di tutele e difesa del territorio ma la soluzione non è certo un progetto simile, che porterebbe solo limitazioni e niente benefici. Ben conosciamo infatti la quantità di vincoli ai quali sono sottoposte le zone che entrano a far parte di un Parco. Il primo dovere di un buon amministratore è garantire la migliore qualità di vita a chi vive e lavora qui 365 giorni all’anno, a chi qui investe tempo e risorse, sono le persone che qui vivono, che qui lavorano, le incontriamo nelle squadre anti-incendio, nelle associazioni venatorie, sono sempre loro quelli che il territorio ce l’hanno cucito sulla pelle”.
Concetto che Vaccarezza ha ribadito anche oggi, così esprimendosi:
«Non è questa la soluzione adatta per sostenere, tutelare e difendere il territorio di Urbe, come ho già affermato in precedenza, anche a seguito dell’incontro dello scorso luglio in cui i cittadini hanno espresso le loro perplessità sull’effettiva utilità della richiesta, devono essere adottate altre iniziative.
Ribadisco ancora una volta: il mio unico interesse è il benessere di ogni singolo ligure perché questo è il dovere di ogni amministratore, regionale o comunale che sia.
Annettere una parte di Urbe al Parco del Beigua non è costruttivo, anzi, risulterebbe dannoso proprio per i cittadini che invece hanno bisogno di imprese vive e redditizie.
Ogni azienda, ogni piccola impresa deve essere sostenuta con un programma di promozione turistica serio ed efficace, non soffocata dalle inutili restrizioni a cui andrebbero certamente incontro tutti.
Faccio il mio lavoro con serietà, da sempre nell’interesse di tutti i cittadini di ogni paese, senza distinzione di credo politico, amicizia o parentela. Questo, il buon Antoci, farebbe bene a tenerlo a mente sempre.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *