domenica, ottobre 21, 2018
Home > Economia > Il turismo savonese ha chiuso il 2017 con 5,7 milioni di presenze (+1,4%)

Il turismo savonese ha chiuso il 2017 con 5,7 milioni di presenze (+1,4%)


di Redazione - 7 febbraio 2018, 11:34

Chiusura in positivo per i numeri del turismo 2017 in provincia di Savona. A salvare le statistiche, dopo i deludenti risultati dell’alta stagione, sono stati gli ultimi mesi dell’anno e, in particolare, novembre, periodo non proprio tra i più attrattivi per la riviera ligure. Il bilancio a fine anno – secondo quanto emerge dai dati ancora provvisori dell’Osservatorio Turistico Regionale – indicano per la provincia di Savona un numero di pernottamenti pari a 5.721.924 a fronte dei 5.643.651 del 2016. Il saldo è positivo per 78 mila giornate di presenza, con un incremento dell’1,39% sull’anno precedente, che era stato considerato tra i migliori da molto tempo a questa parte.

Resta comunque il fatto che la performance di Savona è stata la meno brillante nel panorama ligure: le presenze totali sono cresciute del 6,22% alla Spezia, del 3,38% a Imperia e del 3,24% a Genova. In tutta la Liguria sono stati registrati 15 milioni 558 mila pernottamenti con un incremento di 460 mila rispetto al 2016 (+3,05%). Scorporando i dati per tipologia di esercizio, a livello regionale le giornate di presenza negli esercizi alberghieri sono state 10 milioni 015 mila (+1,07%), quelle negli esercizi extralberghieri 5 milioni 543 mila (+6,82%).

Un trend, quello tra alberghi e residence da una parte e le altre strutture ricettive (agriturismi, B&B, campeggi, case per vacanza, ecc.) dall’altro, che è stato ancora più accentuato nel Savonese, dove sono state registrate 3 milioni 769 mila presenze alberghiere (+0,17% sul 2016) e 1 milione 953 mila presenze extra-alberghiere (+3,65%). In pratica solo 9.500 delle 78 mila giornate di presenze in più rispetto allo scorso anno rappresentano pernottamenti in hotel o residence; il resto dell’incremento è dovuto a maggiori arrivi in campeggi, case e agriturismi.

Assieme all’andamento meno positivo rispetto alle altre province liguri, anche la diversa dinamica tra alberghi e “non-alberghi” richiederà una riflessione in sede locale e regionale, in quanto si tratta di un dato che influisce negativamente sul fatturato complessivo dell’industria turistica savonese. E’ come se il turista stia spostando il proprio interesse verso sistemazioni più economiche, riducendo la spesa. Sommato all’esplosione delle vacanze “dall’alba al tramonto”, tipiche dall’alta stagione estiva, questi comportamenti finiscono con il comprimere il valore aggiunto dell’intero settore, determinando anche maggiori difficoltà a trovare le risorse per investire nel miglioramento strutturale e qualitativo delle strutture.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *