lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Attualità > Il vadese Leonardo Bacchiocchi tra i vincitori del concorso letterario “Ossi di Seppia”

Il vadese Leonardo Bacchiocchi tra i vincitori del concorso letterario “Ossi di Seppia”


di Redazione - 4 Febbraio 2019, 11:43

Si è svolta sabato scorso ad Arma di Taggia, nella suggestiva cornice di Villa Boselli, la premiazione della venticinquesima edizione del concorso letterario “Ossi di Seppia”.

Tra i vincitori anche un il vadese Leonardo Bacchiocchi, classe 1995, i cui componimenti sono stati selezionati nella rosa dei 13 migliori autori su un totale di 1919 partecipanti. In lui, il talento letterario inizia ad emergere già in giovanissima età ma la vera e propria passione per la letteratura, in particolar modo la poesia, si sviluppano negli anni universitari: “Il mio avvicinamento alla letteratura è stato alquanto singolare – racconta Leonardo – ricordo che alle medie facevamo laboratorio di poesia e alla mia professoressa di allora piaceva come scrivevo, alle superiori apprezzavo le ore di letteratura italiana, ma non mi sono mai veramente appassionato.

Arrivato infine all’università (sono laureato in Lingue e Culture Moderne e sto frequentando il corso magistrale di Comunicazione Internazionale), ho cominciato ad appassionarmi alla letteratura inglese dell’Ottocento e penso che sia partito sul serio tutto da lì”. Per partecipare al concorso era richiesto di sottoporre alla giuria un componimento singolo e una raccolta di sette poesie (otto composizioni in totale) senza particolari vincoli di argomento; “Confine” (della quale uscirà prossimamente anche un video su Youtube), “Orizzonte”, “Luna e Vapore”, “La Grande Opera”, “Nemico dell’Umanità”, “E.U.”, “Epifania” e “Senza Titolo” sono i lavori che il giovane autore ha scelto nella sua raccolta per partecipare il concorso, inutile dire che la notizia della premiazione ha suscitato un grande entusiasmo con anche un pizzico di stupore.

“Scrivo poesie da meno di due anni – aggiunge – ‘Ossi di Seppia’ è stato il primo concorso letterario a cui abbia mai partecipato e scoprire di essere uno degli artisti premiati mi ha sorpreso e reso enormemente felice”. La letteratura romantico-vittoriana inglese è la sua corrente preferita: fra gli autori che maggiormente lo influenzano nello scrivere spiccano infatti William Blake, Samuel Taylor Coleridge, John Keats, George Gordon Byron e Robert Louis Stevenson, ma non trascura filosofi come Gustaf Jung e Frederich Nitzsche.

È risaputo che la poesia sia una forma d’arte libera da ogni schema mentale e frutto del più primigenio istinto, ecco quindi che durante un viaggio in treno dalla sua penna nascono i primi versi: “Se non ricordo male stavo leggendo “La Belle Dame sans Merci” di John Keats e avevo appena finito di vedere un documentario sulla vita di Jim Morrison – ricorda – poi un paio di giorni dopo una necessità di esprimere me stesso mi ha spinto a scrivere il mio primo poema in treno, mentre tornavo da Genova”.

Altra grande passione di Leonardo è la musica e attualmente suona la batteria nei Vexatio, una band metal locale che il prossimo 23 febbraio presenterà il nuovo EP; suoi grandi mentori sono i Black Sabbath ed il venire a contatto con altri suoi coetanei musicisti gli ha letteralmente dato il la per iniziare a suonare. Musica e poesia sono quindi lo ying yang di questo giovane artista, in parte separate, in parte congiunte, esse sono le due componenti artistiche che alimentano e stimolano la sua creatività: “Musica e poesia sono due entità molto diverse tra loro – conclude – la poesia ti da una libertà di espressione assoluta, dato che non devi scendere a compromessi con nessuno, mentre la musica non ha questo pregio, ma ti offre invece la possibilità di condividere passione ed energia positiva con le altre persone, che è bellissimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *