Home > Attualità > Immobili della Provincia: compratore cercasi sempre

Andata ancora deserta l'asta, nonostante il ribasso delle stime di vendita

Immobili della Provincia: compratore cercasi sempre

Andata ancora deserta l'asta, nonostante il ribasso delle stime di vendita

Nonostante gli sconti applicati, come per i saldi estivi, gli immobili che da tempo la Provincia di Savona cerca di vendere non hanno trovato acquirenti. E’ infatti andata deserta l’asta, in programma giovedì 11 luglio, per la vendita di alcuni edifici storici di proprietà della Provincia di Savona: Villa Gavotti a Legino, quello che era l’ Albergo Miramare di via Famagosta, oppure l’ex Provveditorato agli Studi di via Trilussa o, ancora, l’ex casa cantoniera di Calizzano. Dopo aver sensibilmente abbassato le stime di valore degli immobili, che verosimilmente si riteneva avessero dissuaso i possibili acquirenti, in una serie di tentativi di vendita andati deserti, Palazzo Nervi aveva riprovato a mettere sul mercato le proprietà immobiliari dismesse da usi istituzionali.

In vendita, per 1 milione 249 mila euro, con uno “sconto” di oltre mezzo milione rispetto alla precedente stima, era l’ex caserma Carmana ed ex Enaip di via Famagosta, già Albergo Miramare, tra i più frequentati di Savona nel periodo della “Belle Epoque”. Il complesso – circa 3 mila metri quadrati – dal 2007 è vincolato dal ministero dei Beni culturali.

Di più recente costruzione è invece l’edificio di via Trilussa che ha ospitato fino al 2010 il Provveditorato agli Studi: cinque piani di proprietà, per una superficie complessiva di 1.087 metri quadrati, che era offerto per 1 milione di euro rispetto alla valutazione del 2017,  di quasi 1,5 milioni. Il bando di vendita specificava, per questo come per gli altri immobili, che sarebbero state accettate solo proposte d’acquisto in aumento o almeno pari alla base d’asta.

Stima ancora inferiore per Villa Gavotti a Legino,  per 700 mila euro, mezzo milione in meno rispetto alle valutazioni precedenti. L’edificio ha una superficie commerciale di 1.410 metri quadrati su 3 piani più ammezzato, con cortile di 1.700 metri quadrati; dal 1991 è vincolato dal ministero dei Beni culturali. Completava il quadro delle aste programmate per l’11 luglio l’ex casa cantoniera di Calizzano, in via Matteotti, messa in vendita per 200 mila euro, inceve dei 244 mila di prima; l’edificio sorge su tre piani per una superficie lorda di 680 metri quadrati e vi sono ricavati quattro alloggi, un ampio sottotetto oltre le cantine e non gravano vincoli su di esso, ma ciò nonostante non si sono presentati attesi compratori nè mai se ne presenteranno, non tanto per la congiuntura del mercato immobiliare, è da ritenere, quanto per la obiettiva difficoltà di vendita di tali tipi di immobili: come si può pensare, ad esempio, che l’edificio dell’ex Provveditorato agli Studi possa interessare, di per sè, a “scatola chiusa” un eventuale acquirente? Pur se la vendita di beni di proprietà di enti pubblici è soggetta ad asta, non sarà possibile cederli senza una trattativa di tipo privato e mirato!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *