martedì, novembre 20, 2018
Home > Attualità > In 1500 al Corteo “Antifascista e antirazzista”, il sindaco Caprioglio preso di mira da Viale e Saccone

In 1500 al Corteo “Antifascista e antirazzista”, il sindaco Caprioglio preso di mira da Viale e Saccone

La presenza del primo cittadino ha fatto storcere il naso ad alcuni esponenti del centrodestra ligure


di MICHAEL TRAMAN - 28 ottobre 2018, 15:12

Ieri, le vie della città di Savona sono state percorse dal Corteo “Antifascista e antirazzista”, organizzato per protestare contro l’apertura di una sede di Casa Pound nel quartiere di Villapiana, in via San Lorenzo. Alla manifestazione, hanno partecipato circa 1500 persone che, non curanti della pioggia, si sono radunate in piazza Martiri per poi dirigersi verso i quartieri centrali della città. Oltre ai classici striscioni, gli organizzatori hanno voluto ricordare i sette antifascisti che furono assassinati il 27 dicembre 1943 alla Madonna degli Angeli con dei cartelloni con impresse lo loro foto. Al corteo, non è stato permesso di transitare di fronte alla sede di Casa Pound e il dispiegamento di forze dell’ordine messo in campo dal prefetto non è andato giù ai manifestanti, come si evince dalle dichiarazioni rilasciate da alcuni organizzatori alla nostra testata, i quali hanno rimarcato con orgoglio il successo dell’iniziativa: “Eravamo in 1500 sotto la pioggia uniti contro quello che consideriamo un pericolo per la nostra democrazia. Siamo sicuri che, se non avesse piovuto, saremmo stati molti di più. Leggendo i commenti sul web, ci rendiamo conto che quello che facciamo è necessario per sconfiggere l’indifferenza, che porta a un qualunquismo diffuso e a un razzismo eccessivo. Ci rammarichiamo per l’eccessivo dispiegamento di forze dell’ordine per difendere un gruppetto neofascista. Non siamo dei violenti. Con piacere, c’è stata la partecipazione del sindaco Ilaria Caprioglio, insieme ad altri rappresentanti del comune, la quale è andata incontro a pesanti critiche da parte di alcuni dei suoi.

Il riferimento è alle parole apparse sul profilo Facebook della leghista Sonia Viale, vicepresidente e assessore alla sanità, alle politiche sociali e alla sicurezza della Regione Liguria. Come noto, la Lega detiene buona parte delle “quote” della giunta savonese e ha giocato un ruolo chiave nelle elezioni che hanno permesso a Ilaria Caprioglio di scalzare la sinistra da Palazzo Sisto. L’assessore del Carroccio ha attaccato il primo cittadino savonese spostando l’attenzione sui fatti della recente cronaca nera: “Mentre guardavo le foto del Sindaco di Savona sorridente tra poche centinaia di manifestanti che urlavano slogan di cinquanta anni fa ho provato sconcerto e rabbia.  Ma come, lei che da sempre è impegnata su temi sensibili quali i mali dell’adolescenza , che si batte perché ragazze non si lascino morire di inedia, non ha compreso che essere lì ieri era come stare in mezzo ai centri sociali di San Lorenzo che hanno urlato contro Salvini , quando si è recato sul luogo del massacro di Desirée, dandogli del razzista.  Dovremmo essere compatti nel combattere contro delinquenti con in tasca un permesso per ragioni umanitarie. che spacciano e stuprano e tagliano a pezzi ragazzine fragili. Non dovremmo partecipare a cortei dove si attaccano le forze dell’ordine ed il Ministro dell’Interno.  Oppure la pensa come certa intellighenzia di sinistra che siccome la ragazza di Roma era drogata, figlia di uno spacciatore e di una madre quindicenne allora…”.  E ha poi aggiunto:Ieri con un magnifico sorriso ha dimostrato qual è la sua posizione: con i manifestanti urlanti che hanno imbrattato la sua città e non con Desirée, Pamela ed anche Giuseppina, un’altra giovane vittima di un brutale stupro di gruppo la cui targa in ricordo è stata distrutta a pochi chilometri da lei pochi giorni fa”

Di ben altro tenore, il messaggio del sindaco circa la sua partecipazione all’evento. Il sindaco ha spiegato le motivazioni della sua partecipazione “tirando le orecchie” ad alcuni manifestanti: “Ho partecipato al corteo di ieri per testimoniare la completa adesione ai valori fondanti della nostra Costituzione, ho camminato accanto a giovani, mamme con bambini, uomini anziani che silenziosamente si riconoscono in un valore che è patrimonio di tutti e come tale deve essere tramandato alle future generazioni. Ritengo, tuttavia, doveroso deprecare alcuni episodi, verificatisi a margine della manifestazione e appresi dagli organi di stampa, che gettano discredito sul corteo di ieri.  In un corteo che difende i valori su cui si basa la nostra Costituzione non possono trovare spazio esternazioni contro il Ministro degli Interni, contro il Signor Prefetto, contro le Forze dell’Ordine che, quotidianamente, lavorano per la nostra sicurezza. La nostra democrazia si basa sulla libertà e sui diritti ma anche sui doveri e sul rispetto delle Persone e delle Istituzioni”.

Anche il consigliere Simona Saccone si scaglia contro la Caprioglio e parte della giunta: “Trovo alquanto curioso e poco coerente sapere che alcuni consiglieri e assessori non prendano le distanze dalla partecipazione del sindaco e della giunta alla manifestazione di ieri,già abbiamo una città in condizioni pessime”.

Risulta chiaro come su determinate questioni ideologiche non ci sia una linea chiara all’interno del centrodestra. Senza dubbio, quello che emerge è una distorsione della realtà storica alla quale anche un parte della stessa sinistra ha indubbiamente contribuito appropriandosi in esclusiva di simboli trasversali. La Resistenza non è stato un fenomeno “rosso”: ricordiamo che nel Comitato di Liberazione Nazionale erano presenti anche democristiani e liberali.

Tornando a quanto accaduto ieri, insieme alla sezione Anpi di Savona, c’erano, tra le altre, le sezioni di Genova, Imperia e Val Bormida. Anche i sindaci di alcuni comuni limitrofi hanno voluto dare un segnale unendosi ai manifestanti. In particolare, erano presenti i primi cittadini di Celle, Albissola Marina, Bergeggi, Varazze e Vado.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *