Economia

In Liguria diminuiscono sia i disoccupati sia gli occupati

Diecimila disoccupati in meno ma se si sommano il calo degli occupati (- 2 mila) e l’incremento di 8 mila unità degli inattivi, il bilancio occupazionale della Liguria a fine giugno 2017 appare, come al solito, in un equilibrio precario, mentre in altre aree del Paese si brinda ad una ripresa ormai consolidata. Unioncamere Liguria e Ufficio Studi della Cgil ligure, analizzando dai rispettivi osservatori i dati regionali dell’Istat, arrivano ad identiche valutazioni, anche se nel giudizio del sindacato a prevalere sono le preoccupazioni e qualche interrogativo.

I liguri con un lavoro sono circa 605 mila, in flessione, sia pure frazionale (-0,3%) rispetto a fine giugno 2016. Calano le donne occupate (257 mila, 7 mila in meno) mentre aumenta la componente maschile (348 mila, 5 mila in più). Forte incremento dei lavoratori dipendenti (+18 mila) e forte flessione dei lavoratori autonomi (-20 mila).

Alcuni dati appaiono stupefacenti. Nei servizi (468 mila occupati, -2,1%) spiccano i 12 mila posti di lavori persi nel comparto legato al turismo: commercio, alberghi e ristoranti sommano quest’anno 138 mila occupati, ma erano 150 mila alla stessa data del 2016 (-8%). E, sempre nel turismo, a fronte di un migliaio di lavoratori dipendenti in più, si registrano 13 mila lavoratori autonomi in meno (commercianti, albergatori, esercenti).

Sorprende, passando al settore industriale, l’incremento di ben 11 mila lavoratori in un solo anno (+9,2%), soprattutto perché è tutto da attribuire ad un “boom” dell’industria manifatturiera (82 mila occupati, +24,6%) mentre l’edilizia ha perso 5 mila posti di lavoro (-9,3%). Sempre nell’industria “in senso stretto” (manifatturiera), i lavoratori dipendenti sono cresciuti di 14 mila unità (da 56 a 70 mila) mentre gli autonomi, essenzialmente gli artigiani titolari di imprese di produzione, sono aumentati di 3 mila unità (da 9 a 13 mila).

Infine, nota dolente e un po’ stonata, l’agricoltura, dove gli occupati sono scesi in un anno da 9.900 a 7.400 (-30%), sintesi di 2 mila dipendenti in più e 4 mila agricoltori indipendenti in meno. Solo tre anni fa (30 giugno 2014), gli occupati nel comparto agricolo erano stati stimati dall’Istat in 16 mila, raffronto che consente all’Ufficio Studi della Cgil di esprimersi con un lapidario giudizio: “è un settore ormai ai minimi termini”.

Dagli occupati ai disoccupati, che in Liguria sono scesi in un anno da 72 a 62 mila, con una rapida discesa del tasso di disoccupazione (dal 10,6 al 9,3%). Livello che è più basso del dato nazionale (10,9%), ma pur sempre il più alto del Nord Ovest (7,2%) anche se le distanze hanno cominciato ad accorciarsi. Infine gli inattivi, ovvero i liguri in età di lavoro che, almeno per le statistiche, non svolgono alcuna attività: sono aumentati da 282 mila a 290 mila.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: