giovedì, aprile 19, 2018
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > In ricordo del CT Luigi Andreani

In ricordo del CT Luigi Andreani


di Felicino Vaniglia - 28 marzo 2018, 10:55

Carissimo Gino,
sento il dovere morale di scriverti perchè domani a Pescara assisterò trepidante al quarto di finale del Torneo delle Regioni (di cui sei stato indiscusso protagonista) in programma tra la “tua” amata Liguria e L’Emilia rispettivamente qualificatesi prime nei gironi A e C. Sarà un’occasione d’oro per tutto il calcio ligure per provare ad emergere da quel ruolo di comprimario d’obbligo a cui tu ti eri sempre cercato di ribellare.Puntiamo molto sai su questo gruppo di ragazzi 99/2000 che comunque sia è già riuscito nell’impresa di eliminare le corazzate Lombardia e Lazio, nella categoria Juniores, quella cioè che più sentivi vicina.
Proprio così! Perchè da quando da Commissario unico eri divenuto selezionatore era lo spazio calcistico in cui ti piaceva muoverti consapevole di poter dare il tuo contributo competente al fine di traghettare vocazioni ancora inesperte nel difficile mondo delle prime squadre. D’altronde per te che eri partito dal Settore Giovanile del Genoa (i colori rossoblù li hai avuto tutta la vita nel cuore) e che sulla rotta iniziale hai proseguito nel tempo curando e coltivando generazioni su generazioni di giocatori in erba, risultava naturale coniugare impegno e passione mettendoti a disposizione della loro crescita sportiva ed umana. Ma in queste ore che mi separano dall’arrivo dei quarti è al tecnico Andreani che voglio rendere omaggio affinchè non venga dispersa la memoria della tua lungimirante e quotata gestione.
Parto dal capolavoro centrato con la finalissima giocata al “Renato Curi” di Perugia, il 30 marzo 2005, in cui la Liguria che affrontava la Toscana venne battuta con merito per 2-0 (reti di Coppola e Gharb). Nel corso della grande festa di fine gara mentre il loro capitano Buti riceveva il trofeo dal Presidente della Lnd Carlo Tavecchio mi aveva commosso la tua sportività nel riconoscere il valore degli avversari toscani così come il tuo orgoglio per quell’enorme secondo posto.
Arrivo alla semifinale del 2011 persa a Fiuggi per 3 a 1 contro il Veneto che poi si aggiudicò il titolo. Una bellissima realtà quella nostra selezione con Giuseppe Maisano di supporto e pezzi pregiati del calibro di Cafà,Torra e Monticone, autore del momentaneo pareggio su rigore realizzato con un coraggioso cucchiaio. Mi è parso giusto riportarti al centro dell’attenzione, caro indimenticabile Gino, perchè per la prima volta dopo più di trent’anni tu non sarai della partita anche se sono certo che da lassù tiferai per quelle maglie biancorosse che sono diventate la tua seconda pelle.Domani mi mancherai tremendamente, mi mancherà il tuo sorriso ironico, la tua scorza da genovese doc, le tue puntuali annotazioni tattiche, il calore sincero della tua stretta di mano. E’ dura per chi ti ha amato e stimato convivere con il dolore provocato dalla tua scomparsa, ma so che un giorno ci incontreremo ancora per parlare della passione comune che ci ha resi amici. Ciao fratello! Spero tanto che la Liguria (“terra leggiadra”) possa salire sul gradino più alto affinchè tu senta la sua voce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *