Cultura e Musica

In viaggio con il piccolo principe a Loano

Questa sera, nell’Arena Estiva Giardino del Principe, alle 21.00, andrà in scena lo spettacolo teatrale “In viaggio col piccolo Principe”, prodotto dalla Compagnia del Barone Rampante. La serata promossa dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano e organizzata dalla I.So THeatre, vede quali protagonisti giovani interpreti la cui età va dagli 8 ai 25 anni.

“In viaggio col Piccolo Principe” – spiega la compagnia teatrale – rilegge la celebre favola di Antoine de Saint-Exupéry alla luce di alcuni fatti della vita dell’autore. Come è noto, Saint-Exupéry, pioniere dell’aviazione, scrisse “Il piccolo principe” prendendo lo spunto da un incidente aereo del 1933, quando cadde nel deserto del Sahara e si salvò a stento. “Il Piccolo Principe” è una favola raccontata da un bambino che accompagna per mano un adulto alla ricerca di se stesso e di valori momentaneamente persi per strada. E quindi non può che rivolgersi in primis ad un adulto e forse in seguito ad un bambino, che tutto già sa. Un viaggio inaspettato, meraviglioso, unico. Nubi pesanti spegnevano le stelle. A bordo del suo aereo l’Aviatore, Antoine de Saint-Exupéry, decide ugualmente di proseguire il suo viaggio. Sono gli anni eroici dei primi, pericolosi collegamenti aerei internazionali, dei primi voli notturni dalle sconfinate regioni dell’America Latina fino a quelle sconosciute e sinistre dell’Africa. – spiega il regista Maximilian Nisi – Ogni pilota sa di rischiare la vita. L’uragano si scatena e spinge fuori rotta l’aereo dell’Aviatore, Antoine de Saint-Exupéry, interrompendo i contatti radio. Il carburante è limitato, un’oscurità cieca avvolge impenetrabile il pilota che continua a volare sino a quando non precipiterà nel deserto del Sahara. Una stanza d’ospedale. Il corpo dell’Aviatore, Antoine de Saint-Exupéry, quasi interamente carbonizzato. Una moglie giovane e bella, Consuelo, al capezzale del suo amore. L’Aviatore, Antoine de Saint-Exupéry, prima di partire promise a Consuelo che sarebbe tornato e che avrebbe disegnato per lei infiniti Piccoli Principi.  Partendo le disse anche: “ Tu sai che la Rosa sei tu, forse non ho mai saputo prendermi cura di te ma ti ho sempre trovato bella e ti ho amata”. Si può parlare del Piccolo Principe come di un autentico viaggio amoroso. Il tutto sembra essere stato concepito alla maniera dei racconti medievali, cortesi e cavallereschi: l’attenzione rivolta alla rosa è il “motivo d’onore” del cavaliere, il suo assoluto asservimento alla propria “dama”.” Sul palco, solo un letto e una grande finestra sui ricordi: passioni, paure e avventure che la scenografa, l’illustratrice genovese Serena Giordano, ha tradotto in video, cioè in immagini in divenire. Al centro, la figura di Consuelo Suncin Sandoval, moglie di Saint Exupery, la cui immagine, nel delirio del pilota, si declina in molte icone femminili che sono vestite con elementi ripetitivi. La tavolozza allude alla grafica delle Avanguardie storiche anche perché, attraverso la vicenda dell’autore, si racconta anche un momento decisivo dell’arte e della poesia del Novecento.

Costo del biglietto: intero € 8,00, ridotto € 5,00 (Biglietto ridotto valido per i minori di 10 anni.) Apertura del botteghino, nell’Arena Estiva Giardino del Principe, dalle ore 20.00.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: