venerdì, Luglio 19, 2019
Home > Cultura e Musica > Inaugurato il reportage fotografico di Carla Daneluzzi a Varazze

Inaugurato il reportage fotografico di Carla Daneluzzi a Varazze

 

 

La mostra resterà aperta tutti i giorni fino a domenica 12 maggio, visitabile dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Ingresso libero.

 

Lunedì 6 maggio 2019 alle ore 16:00 nella “Gallery Malocello” di Varazze, sede del Gruppo Artisti Varazzesi, si è tenuta l’inaugurazione di un interessante reportage fotografico di Carla Daneluzzi intitolato: “Oltre il Nepal – incontri umani che diventano storie per raccontare un mondo di tradizioni millenarie che toccano il cuore”.

. Gallery … >>

 

Al vernissage, oltre ai colleghi dell’ospitante sodalizio artistico, sono intervenuti: Mariangela Calcagno, Assessore alla Cultura della Città di Varazze; Mario Traversi, giornalista, scrittore e poeta varazzino; Fausto Naso, critico d’arte e poeta milanese; Ettore Gambaretto, Direttore Artistico dell’omonimo Atelier di Albisola; amici, parenti ed appassionati d’arte che seguono sempre con interesse le mostre della Daneluzzi e le iniziative dell’Associazione Artisti Varazzesi, un fiore all’occhiello per una Città turistica come Varazze.

 

L’inaugurazione è stata animata dalla musica del trombettista Hermes Rendina di Rapallo: musicista Jazz diplomato presso il conservatorio “Arrigo Boito” di Parma e perfezionato in improvvisazione. Docente di strumento, busker e animatore di eventi. Un bravo musicista che si è cimentato in vari brani e generi musicali, riuscendo a far ballare giovani e meno giovani, sia all’interno della galleria e sia all’esterno sullo slargo di via Malocello.

 

I primi piani, la natura con i suoi stupendi paesaggi, colori, sfumature e l’espressione artistica, nelle sue molteplici forme e variegate sfaccettature, vengono dalla Daneluzzi ricercati ed immortalati con la propria reflex. Immagini che opportunamente trattate e trasferiti su supporti di vario tipo e forma, quando vengono esposti e presentate al pubblico, sanno catturare l’attenzione e risvegliare la curiosità del visitatore.

 

«Ma non solo fotografie suggestive che ci hanno portato quasi fisicamente in luoghi a noi distanti, ma vicini a quella curiosità che è “sentimento del sapere e della conoscenza” – dice Mario Traversi – ma anche una musica struggente del trombettista Hermes Rendina, che ha accompagnato il “vernissage” della mostra di Carla con un repertorio dei favolosi anni ’50 e ’60, quando Glenn Miller faceva sognare l’America e l’Europa del dopoguerra con “Moonlight Serenade” e “Serenata a Vallechiara”.

Un mixer di fotografia e di musica che ha allietato il pubblico presente e scatenato qualche visitatore che non ha resistito a farsi quattro salti nel ricordo dei suoi anni migliori, quando anche il mondo era più musica e meno urla e stridii.

Bravissima come sempre la Daneluzzi che ci fa conoscere gli aspetti più reconditi del pianeta, i suoi usi e costumi, i sorrisi dei bimbi e delle donne, la malinconica fierezza degli uomini e, questa volta, il tutto in accoppiata con la tromba di Hermes.

Musica e immagini, colori e poesia: questo il canto del pianeta che si ritrova nelle sue migliori espressioni.»

 

www.ponentevarazzino.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *