lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > INCENDIO ALL’EX MONASTERO DI MILLESIMO

INCENDIO ALL’EX MONASTERO DI MILLESIMO

Poco prima delle 17 di oggi,  un violento incendio è divampato nell’area dell’ex  monastero di Santo Stefano, nella località Piangiaschi, a Millesimo.

L’incendio è stato domato ed attualmente sono in corso le operazioni di bonifica volte ad evitare che le fiamme possano riprendere vigore. Secondo quanto riferito, il rogo avrebbe provocato ingenti danni: il dehors del ristorante è andato distrutto, mentre la torre, nel complesso, pare essersi salvata. I tecnici dei Vigili del Fuoco stanno effettuando svariate verifiche all’interno degli immobili. Tre squadre complete e tre di rinforzo dei Vigili del Fuoco, con dotazione di autoscala e autobotte, sono state impegnate per lo spegnimento delle fiamme.

Secondo le prime ipotesi, l’incendio sarebbe divampato per un cortocircuito o uno scoppio avvenuto all’interno dell’esercizio adiacente all’ex struttura conventuale: proprio il ristorante avrebbe subito i maggiori danni a seguito del rogo. Secondo quanto appreso nessuna persona è rimasta ferita o intossicata.

Il Monastero di Santo Stefano, fondato nel XII secolo, appartenente ai monaci di San Pietro di Savigliano, venne da costoro ceduto, nel 1216, ad Enrico II del Carretto, il qualo lo donò, a sua volta, alle monache dell’ordine cistercense di Santa Maria de Betton. Le religiose ne abitarono gli ambienti conventuali per circa 600 anni, finché Napoleone non soppresse gli ordini religiosi, costringendo quindi le monache ad abbandonare Millesimo. Accanto all´originale chiesa romanica, trasformata nel ´600 in forme barocche, nel XV secolo fu aggiunto il chiostro con notevoli capitelli in pietra arenaria. In un cortile adiacente alla chiesa si trova un interessante affresco del XIV secolo, rappresentante la Madonna, S. Stefano e la famiglia del Carretto. Dopo la caduta di Napoleone, la proprietà venne acquistata dai Marchesi Centurione Scotto di Genova, che ne fecero una residenza estiva. Nei primi anni del XX secolo tali aristocratici proprietari  ne affidarono la ristrutturazione all’architetto  Gino Coppedè, per cui il monastero si trasformò, parzialmente, in una dimora dall’aspetto di castelli, secondo il particolare gusto eclettico per cui Gino ed Adolfo Coppedè sono famosi. A seguito di ulteriori adattamenti e trasformazioni, nel chiostro del castello presero sede, in anni non lontani,  il birrificio Scarampola, un ristorante ed un relais. Alla famiglia Centurione Scotto, nella persona del marchese Vittorio,  aviatore, morto nel 1926 in un incidente aereo, è legata la storia della scrittrice Amalia Negretti Odescalchi in Cambiasi meglio nota come Liala.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *