martedì, Aprile 23, 2019
Home > Economia > Incentivi alle Reti di Impresa per sostenere l’economia

Incentivi alle Reti di Impresa per sostenere l’economia


di - 6 Febbraio 2012, 10:38

Aggregarsi, per crescere insieme. In altri tempi si sarebbe detto che l’unione fa la forza, ma più che uno slogan, questa appare oggi l’unica strada percorribile per le piccole e medie imprese che vogliono continuare a competere sui mercati, locali e globali. La creazione di nuove reti di impresa a sostegno dello sviluppo delle Pmi è stata ieri pomeriggio al centro di un convegno nella Sala Magnano della Camera di Commercio di Savona, gremita da imprenditori, rappresentanti di associazioni di categoria e di istituti bancari, professionisti e consulenti di impresa.

“In provincia di Savona – ha osservato il presidente della Camera di Commercio, Luciano Pasquale, nell’intervento introduttivo – il 96,6% delle imprese ha meno di 10 addetti e addirittura il 99,8% ne ha meno di 50. Un insieme di piccole e microimprese che faticano a strutturarsi, produrre ricchezza, innovarsi, competere. Se non si mettono insieme, se non fanno rete, non possono andare da nessuna parte”.
Lo strumento che il legislatore ha messo a disposizione delle imprese che intendono integrarsi, senza tuttavia rinunciare alla loro autonomia, si chiama “contratto di rete”, finalizzato ad accrescere tutti i fattori di competitività, attraverso l’ottimizzazione dei costi, la riduzione delle diseconomie, promuovendo l’innovazione, la ricerca, condividendo informazioni. E, non ultimo, offrendo l’opportunità di accedere ad agevolazioni fiscali ed a contributi pubblici.
“Mettersi in rete è fondamentale per le imprese e la Camera di Commercio di Savona intende sostenerle lungo questo percorso – ha aggiunto il presidente Pasquale – con progetto che si articola in una serie di incontri formativi e in azioni concrete. In tempi rapidi sarà indetto un bando che prevede per le reti di impresa, nella fase di start up, degli incentivi da utilizzare per affrontare le spese di costituzione e di accompagnamento all’operatività. Il nostro obiettivo è di giungere a fine giugno con le prime reti già costituite”.
L’appello a stare insieme è stato ripreso dai relatori, alcuni dei quali – imprenditori o “manager di rete” (figura chiave dell’aggregazione) – hanno illustrato le loro “case histories” di successo.
“Il tessuto economico nazionale non si discosta da quello descritto dal presidente della Camera di Savona – ha spiegato l’ingegner Ammannato -. La realtà è che l’85% del prodotto lordo italiano è fatto da Pmi, da piccole imprese che stanno dentro un negozio e che oggi, con il mondo che sta cambiando alla velocità della luce, devono uscirne fuori, se vogliono continuare a lavorare”. Giancarlo Giudici e Riccardo Sottocornola, del Politecnico di Milano, hanno spiegato le basi normative, il percorso per giungere alla costituzione delle reti di impresa ed i vantaggi che ne conseguono. Il dottor Luca De Vita, di Retimpresa Confindustria, ha illustrato, attraverso alcuni esempi, le diverse tipologie di rete, sottolineando che oggi, a livello nazionale, sono operativi 214 contratti (di cui 150 stipulati negli ulimi 9 mesi), con l’adesione di 1063 imprese, “di cui però nessuna è savonese”.
Ma a trasmettere fiducia agli imprenditori locali è stato Walter Cortiana, artigiano di Lecco, titolare di un’aziendina che produce catene in metallo, con 10 dipendenti, animatore di una “rete” che riunisce 7 imprese meccaniche, ognuna specializzata in prodotti diversi. “La nostra aggregazione si chiama Pib – ha raccontato – e stiamo assieme dal 2005. Intorno a noi il mondo è cambiato in fretta, per crescere abbiano cercato canali distributivi diversi, insieme ci siamo avventurati sui mercati internazionali, abbiamo studiato strategie commerciali diverse, ci siamo inventati nuovi prodotti: io ho sempre fatto catene, ma ora produciamo anche lampade led. Ma in fondo questo tipo di contratto, che pure ci lega, mi consente di restare un piccolo artigiano, padrone del mio destino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *