venerdì, Dicembre 13, 2019
Home > Attualità > Incontro in “cucina” tra Alassio-Liguria e Zimbabwe

Incontro in “cucina” tra Alassio-Liguria e Zimbabwe

gemellaggio alassio-zimbabweLa proposta nasce nell’ambito delle iniziative di partenariato scaturite dalla visita ad Alassio dell’ambasciatore dello Zimbabwe, S.E. Godfrey Magwenzi, in preparazione della partecipazione dello Stato africano a Milano 2015. Gli elementi portanti del gemellaggio gastronomico tra Alassio, la Liguria e lo Zimbabwe, per l’esposizione dedicata al tema: “Alimentare il pianeta – energia per la vita”, verranno delineati attraverso una serie di cooking team building dove i giovani talenti della Scuola alberghiera della Città del Muretto, guidati dal presidente della Federazione Cuochi della Liguria, Renato Grasso, lavoreranno a fianco degli chef zimbabwesi per imparare a fare squadra. La mission è quella di creare o rivisitare nuove o vecchie ricette tipiche, utilizzando la grande vetrina di Expo per riaffermare l’universale culturale del cibo quale strumento di fratellanza tra popoli e culture diverse. L’opzione sulla quale è incentrato il progetto di gemellaggio gastronomico è quella dell’animazione emozionale, che dovrà avvolgere il visitatore mediante immagini e stimoli sensoriali tali da condurlo, attraverso laboratori creativi, alla sperimentazione dei sapori e dei saperi dei due mondi: percorsi multisensoriali capaci di fondere e contaminare i piatti della tradizione zimbabwese e ligure. In preparazione ad Expo, che vedrà lo Stato africano protagonista nell’area tematica del mais, l’ambasciatore S. E. Godfrey Magwenzi ha lanciato la sfida del pane di granoturco, di cui lo Zimbabwe è grande produttore, agli alunni della scuola alberghiera di Alassio . La “competizione”, in linea con l’obiettivo dell’esposizione universale, vedrà impegnati, oltre agli alberghieri, gli esperti slow food del presidio del mais spinato di Gandino (BG) e si concluderà con la visita del presidente Robert Mugabe all’esposizione di Milano il prossimo 31 agosto. A tal fine, anche il VI Memorial Bartolomeo Marchiano, concorso dedicato ai giovani chef emergenti, avrà quale tema la cucina fusion, con l’obiettivo di preparare i menu liguri-zimbabwesi da degustare nell’area espositiva dello Stato dell’Africa Sud-Orientale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *