venerdì, Luglio 19, 2019
Home > Cultura e Musica > Intervista a Giada Sordi, autrice di “Come poli che si attraggono”

Intervista a Giada Sordi, autrice di “Come poli che si attraggono”

Giada Sordi, giovanissima scrittrice spezzina, ha presentato a Savona, al Libraccio,  il suo libro “Come poli che si attraggono”. 

Il romanzo parla di una ragazza delusa da una storia d’amore finita male. Si basa molto sul fatto che la protagonista dopo aver avuto questa

enorme delusione sentimentale, rimane molto scettica nei confronti dell’amore e non riesce a voler ammettere nemmeno dopo mesi i suoi

reali sentimenti verso un nuovo ragazzo, per paura di essere travolta e coinvolta dalle troppe emozioni, rischiando cosi di poter nuovamente

soffrire. La delusione avuta con Michael, che l’ha indotta a lasciare la sua

Cambridge, la trattiene dall’abbandonarsi una volta per tutte al suo nuovo amato: ne deriva una condizione di limbo al tempo stesso sublime e crudele, poiché Hope, la protagonista inglese del romanzo, è coinvolta e confusa allo stesso tempo dai sogni che Jack tiene viva in lei, ma al tempo stesso non arriva a ricavarne una certezza.

È estasiata da Jack, ma allo stesso tempo timorosa e impaurita di poter

sbagliare nel lasciarsi andare.

Lei è piena di Jack e al medesimo tempo ne ha paura.

Nella storia il nuovo amore riuscirà a cambiarla moltissimo e quell’attrazione mai provata prima la confonderà per tutto il romanzo. Poi spetterà ai lettori scoprire durante la lettura, se Hope, la protagonista, riuscirà a stare lontana da questa fortissima attrazione verso il nuovo ragazzo, oppure no. 

Cosa ha portato Giada Sordi  a tutto questo? E perché scrive?

“Diciamo che è iniziato tutto con un sogno, ho sognato il capitolo cinque,

l’intero capitolo cinque e da li ho comincia la storia, formandola ogni

giorno, cambiando, aggiungendo e cancellando frasi ogni mese.

Perché scrivo?

Principalmente scrivo perché amo emozionare gli altri, per provare ad

emozionarli con le stesse emozioni che ho potuto provare io nella mia

vita e vedere che effetto possono fare su una pelle diversa dalla mia o

su degli occhi diversi dai miei.

Scrivere mi permette di vivere in modo più profondo, mi piace far vivere

la parola.

È un pò come mettersi completamente a nudo senza avere nessuna

vergogna.

Lo scrittore è un generatore di idee, di fantasie. Il bello dello scrittore è

che riesce a far vivere ai suoi lettori esperienze completamente differenti

da quelle che loro vivono di solito o la vita che avrebbero voluto fare.

Perchè si definisce una sognatrice?

“Perché sognare ti porta ad essere più profonda, più emozionate, più

spinta, ti porta a creare ciò che davvero desideri, che vuoi.

Ti spinge a volerlo vedere concreto.

Cosa c ‘è di più bello nella vita di vivere sognando, soprattutto se i sogni

ti spingono a trovare la felicità. A me piace vivere sognando la realtà

stessa, come posso spiegarvi: io vivo apprezzando ogni giornata, ogni

cosa che mi capita e questo mi permette già di vivere come se stesse

capitando quello che stavo sognando.

Diciamo che mi definisco una sognatrice per tutti questi motivi. Cosa la lega al libro?

“Un pò tutto, ci sono un insieme di cose che mi legano a lui. Io sono innamorata dei personaggi e mi sento molto parte della protagonista, anche perché la descrizione della protagonista è

praticamente la descrizione di me stessa, con l’aggiunta di qualcosa o esagerando alcuni aspetti del carattere.

È un pò come se questa storia che ho scritto, avesse preso vita dentro di me realmente, è come se l’avessi vissuta per davvero in tutti questi

mesi. È cosa c ‘è di più bello di poter vivere due vite insieme, la tua e quella che ti stai creando. Come dice il titolo “ come poli che si attraggono “ in questa storia i

personaggi non si limitano, non so come ma riescono ad attrarre anche te, a non riuscire a fare a meno di sapere, di andare avanti con il prossimo capitolo, a me è successo questo nello scriverla, spero possa

accadere la stessa cosa ai miei lettori. Tutto questo mi ha legata moltissimo al romanzo.

Un altra cosa che mi lega tantissimo al romanzo è il Palloncino Rosso, il

simbolo del romanzo, che da a significare il legame forte tra Hope e Jack. Per Jack vedere Hope, stare assieme ad Hope è come provare quella

forte sensazione di benessere, di tranquillità, di forte spensieratezza, di

leggerezza nella vita e anche nell’amore… come un palloncino che vola.

Ho deciso il colore rosso perché il rosso è il colore dell’amore.

Questo simbolo è la chiave del romanzo, della storia che lega molto i

due personaggi nell’intera storia, che porta Hope a provare a dare un

altra occasione all’amore, a provare a non avere paura di essere di

nuovo delusa, ma non sa cosa nasconde il perfetto e meraviglioso

Jack. Tra Hope e Jack il palloncino rosso è un po come il pensare che si può

ancora credere nell’amore anche dopo delle delusioni, che si può ancora ritrovare la felicità dietro a tutto, la spensieratezza necessaria

per poter ricominciare da capo senza aver paura di soffrire.

All’interno del mio romanzo ha tutti questi significati, ho voluto scegliere

questo simbolo per paragonarlo a tutto questo.

Il significato forte che vuole trasmettere il simbolo lo si trova all’interno

della storia leggendo i vari capitoli.

Cosa c’è nel romanzo?

“nel mio romanzo c’è un pò tutto mischiato.

Amore , delusione, pazzia, attrazione, soprattutto attrazione, amicizia,

tutto tranne che la vendetta. Perché la vendetta non serve a niente,

perché tutto accade per un perché. io credo molto nel destino e quindi

qualsiasi cosa mi accade cerco sempre di pensare che doveva andare

cosi, che mi aspetta qualcosa di migliore”. Cosa c’è di autobiografico?

“Diciamo che il romanzo è molto inventato, la storia in se non centra

quasi niente con la mia vita. È una storia del tutto immaginata dalla mia mente, tranne per la delusione sentimentale, quella l’ho potuta davvero

provare sulla mia pelle e la paura di ricominciare da capo nell’amore è

stata esattamente come scrivo all’interno di queste pagine, anche molte

parti dove sorrido sono realistiche, sono tutte mescolate.

Racconta di alcune situazioni, momenti e soprattutto di emozioni che io

personalmente ho vissuto sulla mia stessa pelle, aggiungendone altre

inventate, intrecciando il tutto per poi comporre la storia dell’intero

romanzo”. Perché Cambrige, perché Parigi?

“Cambridge perché mi ha sempre affascinata il luogo, anche non

essendoci mai stata, ma vedendolo anche solo nelle foto, mi ha sempre

inspirata, mi ha sempre dato modo di vederla una città dove scoprire

qualcosa di affascinate dietro ogni angolo. Una città universitaria,

pacifica, tutta da scoprire. Sicuramente la metà di viaggio del 2019 sarà

Cambridge o New York, perché mi servirà visitare queste due città per i

prossimi libri… essendo una trilogia.

Parigi, invece ci sono stata e sono rimasta estasiata dal tutto, ha quell’aria romantica che ti porti dietro anche quando torni a casa, gli

addobbi natalizi , le luci. È la città degli innamorati a tutti gli effetti e

infatti l’ho scelta per il mio romanzo. Nessuna città poteva rendere l’idea

di tutto quello che ho scritto se non la Bellissima ed Emozionante Parigi”. Cime si è sentita dopo che ha finito di scrivere il libro?

“Ho attraversato due fasi, nella prima fase sono stata molto contenta,

molto felice, mi sono sentita libera da tutto, ho chiuso il computer e sono

uscita, poi la seconda fase è stata paura, una paura gigantesca, ero

terrorizzata all’idea di far leggere i miei pensieri alle persone.

Adesso posso dire di essere riuscita a superare la seconda fase e ora

mi sento pienamente soddisfatta per quello che sono riuscita a creare.

E’ emozione forte ogni giorno, soprattutto quando ti arrivano dei

messaggi bellissimi e positivi, dalle ragazze, ragazzi che hanno letto le

tue pagine e sono innamorati della tua storia”.

E’ stato difficile scrivere il libro. Quanto tempo ha impiegato?

“Non è stata per niente una passeggiata, è stato molto difficile

assemblare il tutto e rendere i dialoghi e i capitoli fluidi e scorrevoli.

Scrivere è un po’ come vivere una seconda vita, perché ogni capitolo

che scrivi se non lo vivi non riesci a renderlo del tutto vero.

A scrivere ho impiegato un anno e qualche mese, scrivendo alla notte e

lavorando nel giorno”.

Come si è sentita all’uscita del romanzo”

“mi sono sentita come ti senti quando si realizza un sogno. Sono passata

dall’essere felice, entusiasta, soddisfatta, al non posso crederci che sia

davvero successo.

È stata un’emozione forte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *