martedì, novembre 13, 2018
Home > Attualità > Intervista al sindaco di Carcare Christian De Vecchi

Intervista al sindaco di Carcare Christian De Vecchi


di SELENA BORGNA - 11 luglio 2018, 16:59

Il 10 giugno 2018 diversi comuni si sono recati alle urne per eleggere il nuovo consiglio comunale e tra questi vi era Carcare, paese di circa 5500 abitanti in provincia di Savona.

I candidati sindaco erano quattro ed è stato eletto come primo cittadino Christian De Vecchi, vicesindaco uscente.

 

Un Suo breve curriculum

La mia esperienza politica è tutta locale e mi sono formato sul territorio : nel 2001 ho creato un’associazione extraconsiliare denominata “Intrabormida” per valorizzare le risorse entro il confine delle valli del Bormida comprendente un vasto territorio di cui il comune di Carcare fa parte. L’associazione è stata creata nel mandato del rispetto dei valori del territorio e delle persone valorizzando gli enti locali e tutto ciò che vi è collegato. Sono in consiglio comunale dal 2009 e dal 2009 al 2013 ho ricoperto l’incarico di assessore alla cultura, istruzione e turismo durante il primo mandato di Franco Bologna sindaco mentre dal 2013 al 2018, durante la seconda amministrazione Bologna, sono stato assessore ai lavori pubblici e alle attività produttive nonchè vicesindaco

 

Cosa significa per Lei diventare sindaco?

Per me diventare sindaco è una sorta di continuità del mio percorso politico ed una nuova responsabilità verso i cittadini. Spero che il mio mandato corrisponda alla fiducia dei carcaresi e spero di rendere questa fiducia rispondendo ai bisogni

 

A Carcare erano quattro i candidati sindaco e per alcuni erano decisamente troppi per un comune così piccolo. Cosa pensa sia successo affinchè gli elettori hanno scelto Lei, preferendo la continuità al rinnovamento, piuttosto che uno dei Suoi avversari?

In democrazia le persone scelgono liberamente i loro amministratori così come vi è la libertà di fare diverse liste. Tante liste sono, a mio parere, un sinonimo di disgregazione e l’elezione diretta del sindaco esalta la democraticità. Il cittadino fa la propria scelta e un solo candidato vince e in questa tornata elettorale siamo stati premiati dagli elettori ed io sono, dal 1975 ad oggi, il secondo sindaco più giovane della città. Abbiamo vinto con un buon margine sulla seconda lista e ciò significa una volontà chiara degli elettori che ha premiato i nove anni di amministrazione passata

 

Le Sue priorità da Sindaco

Tra le mie priorità vi è quella di riuscire a traghettare il comune verso una dimensione più moderma con strumenti più moderni svolgendo un’opera di modernità e modernizzazione

 

Cosa intende fare nei Suoi primi 100 giorni da Sindaco?

Nei miei primi 100 giorni da Sindaco intendo iniziare ad affrontare temi impegnativi come la sicurezza del territorio in senso lato attraverso la prevenzione e la repressione riorganizzando la Polizia Locale, il territorio con la messa in sicurezza delle scuole e l’attuazione di 2-3 ordinanze dedicate ai proprietari di fondi in prossimità di strade e fiumi per la cura per evitare danni o blocchi stradali e la sanità intervenendo sul problema piccioni (presso il comune di Carcare vi è un’ordinanza che vieta di dare cibo a questi animali) effettuando interventi sugli edifici senza però dimenticare tutte le materie del quotidiano

 

Tre promesse concrete ai Suoi elettori

La nostra Carta degli Impegni, che è stato il programma elettorale, prevede gli impegni con gli elettori per i prossimi cinque anni senza però dimenticare maggiori impegni che devono essere concreti. Nel 2021 abbiamo un importante appuntamento culturale perchè ricorrono i 400 anni dalla fondazione del Collegio delle Scuole Pie Calasanziane (1621-2021) che è un contentitore storico importante sia per il comune che per la cultura. Questo impegno è strategico per il nostro comune che è sede di scuola superiore e la modernità ruota anche attorno a questo

 

A chi vuole dedicare la vittoria?

Dedico la vittoria ai cittadini perchè sono loro che mi hanno permesso di diventare Sindaco e alla mia famiglia

 

Una frase che la rappresenta

Nel territorio per il territorio con la sua gente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *