lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Intimismo e materia nella ceramica di Gabry Cominale

Intimismo e materia nella ceramica di Gabry Cominale

Ritorniamo doverosamente sull’esposizione di Gabry Cominale, che si era tenuta al Pozzo Garitta, Circolo degli Artisti, ad Albissola,conclusasi domenica 11 febbraio scorso. Gabry Cominale ne aveva proposto un titolo poetico ed onirico: “un sogno per un desiderio”, a richiamare una certa sua ispirazione, in cui si coniugano intimismo autobiografico e sentimento di “eterno femminino”, che del resto costituiva un richiamo preciso della mostra. Un motivo conduttore dell’artista è da ravvisare nella comparsa, nei suoi lavori, di tre cuspidi immerse in un mare raffigurato magistralmente con plastiche increspature o , in altre occasioni, con vitree incrostazioni: sono vele fluttuanti, a ricordare un preciso e triste momenmto della sua vita! La presenza di stelle è un’altra costante delle figure plasmate dall’artista, che entrano a far parte di un simbolismo delicato, ad un tempo intrigante, popolato di figure antropomorfe stilizzate, che suggeriscono qualche affinità con altre brave autrici locali come Cristina Bettinelli o Anna Santoiemma, e talvolta con le ammalianti alchimie di Enrica Noceto, e richiamano in parte un mondo arcano ed onirico, inclinato verso una tenera evocazione di intimità e di sentimenti celati con discrezione nella loro essenza, pur manifestati con artistica convinzione, in parte figure coscientemente scultoree, la cui forma si impone, pur in miniatura, quasi a rammentare le figure di un Hans Arp. La sentita e decisiva esperienza interiore non impedisce a Gabry di rimandare a forti espressività, come si può notare in uno straordinario quadro, formato da una superficie scura, di apparenza lavica o di ardesia grezza, ottenuta con un procedimento su cui l’artista non si dilunga, che può ricordare le fusioni di Malmignati, ammirate, sempre al Pozzo Garitta, poco tempo fa, con l’inserzione di uno squarcio luminoso, un lampo di speranza pur in una oscurità densa ed avvolgente e l’apparizione, venata di “naivetè”, di un semplice cuore rosso. E ciò ci proietta verso il respiro autentico del lavoro di Gabry, ceramista per elezione e per adesione ad una espressività materica altrettanto decisiva, nel suo messaggio, del lirismo interiore.La tecnica “raku”, che l’artista ama particolarmente, è un metodo che esalta le peculiarità materiali, le colorazioni inaspettate, le possibilità offerte da terre e minerali che si fondono e si amalgamano, a rammentare il respiro interiore della sostanza di cui è composto il Pianeta, di cui emergono le profonde e primordiali manifestazioni. Ne nasce una ceramica che inclina sovente al tratto informale, espressionista, segnata talvolta da crepe che vogliono rivelare un segreto nascosto nel profondo; in questo l’autrice ricorda la materia pulsante di Carlos Carlè; del maestro argentino, scomparso nel 2015, vale anche per la sua opera una frase significativa: “ Il ceramista ha il privilegio di creare la materia con cui lavorare, secondo la varietà degli impasti di terra, refrattario, colore, ossidi.” Senonchè, per quanto riguarda lei, emerge l’affascinante particolarità di saper coniugare la poesia di una foglia o di un velo di filigrana con la forza indomabile dell’incandescenza , della fusione, dell’esplosione degli elementi. La vocazione a volere e sapere cogliere le voci del mondo si rivela anche nelle composizioni formate da oggetti da lei creati, magari con una certa elaborazione, insieme con provenienze dalla natura, con semplici pezzi di legno trovati sulla spiaggia, in un contesto di “installazione”, come era il caso dello stessa immagine del manifesto della mostra, in cui appariva una piastrella, con la raffigurazione del mare, coi noti riferimenti delle vele, posta accanto ad uno spezzone di ramo riportato dal mare, sulla spiaggia, di fronte alle onde marine: un’ immagine di grande suggestione !

Similmente altri “assemblaggi”, nei quali l’autrice innesta le sue sognanti figurine di ceramica su rami tormentati, in un notevole richiamo evocativo. Nell’opera di Gabry Cominale è presente, o per la cromia o per il disegno o per la particolarità di una modellazione, e per stessa ammissione dell’autrice, l’impronta della creazione di moda, attività con la quale iniziò il suo cammino artistico, negli anni 1970. Dai veli della moda, alle turbolenza della materia che si trasforma, Gaby dimostra di essere a suo agio tanto con espressività impalpabili e delicate quanto con le scosse di una terra che si fonde e si raggruma ad estrinsecare, sotto la mano dell’autrice, la sua bellezza nascosta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *