martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Attualità > Intitolata ai caduti di Nassiriya la Sala Trasparenze del palazzo della provincia

Intitolata ai caduti di Nassiriya la Sala Trasparenze del palazzo della provincia

E’ stata intitolata, alla presenza del presidente della provincia Pierangelo Olivieri, di Sua Eccellenza il Prefetto Antonio Cananà, del consigliere regionale Angelo Vaccarezza, del Questore Giannina Roatta, del Vescovo della Diocesi di Savona-Noli, dei sindaci della provincia, dei rappresentanti delle forze dell’ordine, dei parenti delle vittime e di numerosi cittadini, ai caduti di Nassiriya la Sala Trasparenze del palazzo della provincia di Savona.

“Questo giorno è stato voluto da tutti”, ha dichiarato il presidente Olivieri, “e durante la mia prima uscita come presidente della provincia, il 4 novembre 2018, ho anticipato questo mio desiderio per me molto importante. Lo spazio in questione è molto particolare perchè ha in sè ricordi e memorie ma anche dolori e ferite importanti. Questo è stato, dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’attacco più importante alle nostre forze fuori dal territorio nazionale ed i nostri ragazzi si sono sacrificati per la patria. Sono passati 15 anni ma sembra ieri e questa proposta è stata condivisa dal consiglio regionale all’unanimità. La provincia è la casa dei comuni e questa sala è molto importante per la cultura ed i dibattiti anche politici. Il presidente della provincia ha un ruolo importante con la valorizzazione ed il ricordo degli ideali giusti e sono convinto che intitolare la sala ai caduti di Nassiriya è un punto di partenza importante. Ringrazio tutti gli amministratori presenti, i reduci ed i loro familiari e sono convinto che per ricordare momenti importanti come questo occorre fermarci”.

Stessa soddisfazione da parte di Diego Pistacchi de “Il Giornale” :”Sono contento di essere qui e voglio dire che ognuno ha vissuto in maniera diversa quella terribile giornata e fin da subito abbiamo capito che era stata una strage. Le vittime sono tutte vicine a noi e vi è stata difficoltà a definire i nostri caduti e tutta la nazione si è stretta intorno a loro, a questi che per noi sono eroi. Questi giovani soldati sono morti perchè eroi e spendere la propria vita per le missioni di pace è sinonimo di eroismo ed è importante come, a distanza di anni, si prendono iniziative come questa. Avere aule a loro dedicate significa aver dato qualcosa alla nostra terra ed anche presso il palazzo della regione vi sarà un’aula dedicata a questi ragazzi che sono stati eroi in vita e continuano ad esserlo. Questo gruppo di italiani era sì attaccato al proprio dovere ma anche alla popolazione locale ed i primi soccorritori sono stati proprio gli abitanti di Nassiriya ed i nostri militari erano lì per ricostruire le strutture danneggiate dalla guerra”.

“Saluto tutti e voglio dire che è difficile parlare in questa circostanza ma è molto importante”, afferma il consigliere regionale Angelo Vaccarezza, “e voglio ringraziare il presidente Olivieri per questa iniziativa dicendo che la necessità del ricordo è importante. Occorre insegnare l’educazione civica senza dimenticare l’importante scelta di chi si impegna per la patria soprattutto in un particolare momento in cui le divise sono malviste e la patria non è più un valore. Lo spirito dei soldati è uguale a quello dei carabinieri avendo come base il donare ed il carabiniere ha in sè il senso del dovere e l’amor patrio. La preghiera del carabiniere è un impegno portato in giro e voglio ricordare la figura di Emanuele Reali, carabiniere morto inseguendo due ladri. I carabinieri sono troppo spesso umiliati e derisi ma fanno bene il loro lavoro e vorrei sempre più aule dedicate ai carabinieri e meno a persone del calibro di Carlo Giuliani. E’ difficile spiegare chi sono gli eroi ed oggi rivedo qui persone a cui voglio molto bene e voglio dire che è un dovere raccontare le storie di coloro che donano la vita per la patria. Il 12 novembre 2003 l’Italia ha pagato un prezzo alto e spero che vi siano sempre di più giornate come questa poichè sono belle giornate. Vedere qui i sindaci con la fascia tricolore mi piace perchè per quel tricolore quei ragazzi hanno dato la loro vita ed occorre rispetto per coloro che servono il paese. L’impegno delle nostre forze dell’ordine è molto importante e voglio ricordare Emanuela Loi, la prima poliziotta donna morta in servizio mentre faceva servizio di scorta al giudice Paolo Borsellino”.

“Saluto e ringrazio tutti i presenti dicendo che non esiste comandante che non ricordi i nostri caduti”, evidenzia Pietro Oresta, generale comando legione carabinieri Liguria, “ed il ricordo di episodi così importanti è costante da parte delle istituzioni e dà dimensione di quanto la testimonianza del giuramento si traduce in comportamenti concreti. Il consigliere Vaccarezza ha detto cose significative ed i ragazzi che indossano la divisa fanno tutti i giorni il loro dovere con semplicità, C’è bisogno di memoria, occorre ricordare i sacrifici di coloro che ci hanno preceduti ed eventi come questo rendono concreta la solidarietà rendendo il sacrificio dei carabinieri una sorta di codice d’identità. Se siamo qui lo dobbiamo a loro che hanno scelto la strada più giusta ma anche quella più dolorosa e questa sala è un vero e proprio foro di dignità ed altruismo”.

“Saluto tutti e voglio ricordare con voi quella giornata” , sottolinea Sua Eccellenza il Prefetto Antonio Cananà, “nella quale ho reso gli onori ai nostri ragazzi ai funerali presso San Paolo fuori le Mura ed in quel periodo vivevo ad un chilometro dal Vittoriano. In quell’occasione successe più o meno cosa avvenne molti anni prima con il Milite Ignoto, portato su un treno lungo tutto la penisola tra due ali di folla in silenzio. Quella di Nasiriya era una missione di pace sotto l’Onu per la sicurezza e lo sviluppo dell’Iraq ed i soldati partirono come costruttori di pace e tornarono martiri. C’è il dovere di ricordare e lo dobbiamo alle vittime, ai loro parenti e a tutte le forze armate e voglio dire che apprezzo molto questa intitolazione ricordando come tanti comuni abbiano già intitolato a questi eroi sale, monumenti e parchi cittadini”.

“Rivolgo il mio grazie a nome della famiglie e sono molto emozionata per essere qui”, espone Lucrezia Cavallaro in rappresentanza dei familiari delle vittime, “e sono convinta che il loro sacrificio non sarà vano se verranno ricordati. Ringrazio i sindaci presenti, il presidente Olivieri, il consigliere Vaccarezza, il Questore Roatta, Sua Eccellenza il Prefetto Cananà, il Vescovo e tutti i presenti. Questi ragazzi sono rimasti lì per quattro mesi, sono partiti insieme e sono restati per la fedeltà alla patria per la volontà di portare in quei luoghi pace, democrazia e libertà aiutando le popolazioni dell’Iraq”.

“Sono contento di vedere qui molti sindaci e voglio dire che occorre molta forza per la quotidianità. Questi eventi sono molto importanti e lavoro quotidianamente con i sindaci per far fronte alle difficoltà”, conclude Pierangelo Olivieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *