lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Io non me la bevo

Io non me la bevo

in aumento l'alcolismo

Il Vino e l’alcool si ottengono facendo fermentare, principalmente l’uva, ma anche vari prodotti (es. frutta, canna da zucchero, riso, orzo). Era chiamato nettare degli dei e già, all’origine dei tempi, aveva un proprio dio Dioniso o che dir si voglia Bacco. Il dio, veniva rappresentato di notte, con fiaccole, in ambiente aperto, facendo leva sul doppio senso “fuori”, si diceva che rappresentasse anche la follia. Infatti credevano che entrasse letteralmente nelle persone possedendole (forse per giustificarne i comportamenti spesso anomali). Secondo la mitologia greca, Ebe dea della gioventù, era enofora (serviva nettare e ambrosia), sul monte Olimpo. In un secondo momento il compito di coppiere venne affidato al principe troiano Ganimede, il più bel giovane dell’antichità, di cui Giove si era invaghito e rapì dopo essersi trasformato in aquila. I Greci, si avvicinavano con timore al vino ed usavano berlo misto ad acqua e puro solo in particolare occasioni, dopo aver invocato l’aiuto degli dei. In passato, da noi, i luoghi consacrati a Bacco erano le “osterie”. Molti e caratteristici erano gli antichi detti e ritornelli ad esempio “uomo da vino non ha mai un quattrino”, “Noè ha salvato la vigna, a chi non beve vino, venga la tigna”, “uomo da vino uomo meschino” che cantato da ubriachi in dialetto acquista tutto un suo folklore. Il vino, specie quello rosso, se bevuto in moderate quantità, è un nutrimento e ottimo antiossidante. Dopo una abbondante libagione il percorso (diverso da persona a persona), passa da ilarità loquace a invadente, aggressivo o patetico lacrimevole). Il consumo era elevato, quasi esclusiva prerogativa maschile, via via con tendenza a diminuire per allargarsi all’utenza giovanile e femminile con aggiunta di birra e alcolici su livelli simili a quelli anglosassoni Ad aumentare enormemente il consumo di alcool sono i giovani dei due sessi e donne 40 anni (delusione per carriera, familiare, pensione, vedovanza). Le donne sopportano fisiologicamente l’alcool meno degli uomini. Per i giovani sono pericolose le “ nomination”: arriva una telefonata (una specie di catena di s. Antonio), che ti comunica di essere stato scelto per una bevuta (bottiglia intera), da fare in diretta per poi mettere una foto (selfie), in internet. Se non ottemperi sei bollato uno “sfigato”. La situazione ovviamente si aggrava se all’alcol si aggiungono pasticche varie. Ragazzini di 11/12anni, che andavano bene a Scuola e nello Sport ora spesso al Pronto Soccorso specie nei giorni di Venerdì e Sabato, per abuso di alcool anche se per loro la legge ne decreta il divieto di vendita. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), registra 3milioni di morti all’anno. Rischio elevato, Famiglie e Scuola si battono ma con scarsi risultati, prevenzione poco efficace. Negli ultimi tempi la legislazione ha dovuto essere adeguata, in particolare per il tasso alcolemico per i guidatori e per passare a 16 a 18 anni il limite per l’uso di bevande alcoliche. L’alcool fa male, porta alla distruzione (fegato, reni, cuore, cervello), bevi per farti coraggio, per solitudine, per imitazione, per non sentirti diverso dagli amici. Si comincia con un aperitivo, birra, feste alla sera, per trovarsi poi a bere da soli in casa nascondendo le bottiglie, su una panchina o appoggiato alla macchina. All’inizio si può lavorare poi a seconda dei lavori (es. autista, chirurgo), diventa difficile.Una delle vittime più illustri è stato il grande campione brasiliano Manè Garrincha che a causa dell’alcool ha prima posto fine alla sua carriera e poi alla stessa vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *