Attualità

Italia a divisa tra Industria, Scuola e Trasporti

Sembra finito il tunnel senza luce, lontani dai nostri legami, affetti, in cui eravamo, ora si può guardare avanti più sereni, 4,4milioni di persone, sono tornate al lavoro. ( ma serve pensare ai bambini che fanno). Si intravede una fase discendente del virus ed una scossa alla nostra vita, alla attività scolastica, in particolare, in pratica, ha attivato, fissato il valore della didattica a distanza, on line, come un punto fermo, una pietra miliare di cui non si potrà più fare a meno.  I ragazzi che hanno dovuto abbandonare la Scuola, insieme ai genitori, ne hanno riconosciuto il valore e si sono riavvicinati trovandola più formativa di quella on line, per avere un contatto umano con altri giovani, che non trovavano più, si sentivano respinti, soli.  La Scuola a distanza può funzionare se esperienza consolidata in classi amalgamate e solo per tempi parziali, certamente per recupero o ritardi.     Vedremo che sarà: libertà dei parchi, spazi per sport, di culto,  le spiagge e se per gli ultra 60enni (chiusi in casa, per difenderli, e che dire  degli Italiani rimasti bloccati all’estero (vacanze, lavoro) partenze rinviate di mese in mese (aereo non parte) mentre altri paesi hanno organizzato voli speciali finanziati UE, per riportarli a casa.   Ma non è chiara la strategia, una visione per la 3a fase, ma forse neanche se, sistemata la 2a. Le Regioni stanno prendendo le distanze dal Governo e persino i Comuni   tendono a ribellarsi, variando il trend in atto.                     Noi non siamo fuori, e dobbiamo aspettarci altre modifiche con differenze per Regioni (amico vero) molto poetico, in stile leopardiano, come dice in Tv, il Sindaco de Luca, chiamando “fratacchione”  a Fazio. Le aziende riprenderanno su 2 turni, per avere distanze interpersonali, anche se con misuratore temperatura, riprenderanno su 2 turni, più difficile per catene di montaggio,  speriamo per le mascherine (passate da 1 a 6 euro),  il fatidico 4 maggio, posti ridotti del 50%  (quelli non utilizzabili saranno segnanti), forse ancora perdita per le Società, dovranno essere incentivate le corse e nonostante ciò disagi per passeggeri, car-sharing attenti alla situazione sanitaria la pulizia, come sui mezzi pubblici, potrà essere attivata solo una volta al dì, guanti e mascherine non bastano (rischi toccare viso), meglio usare anche il gel o pensare a bici o monopattini elettrici. Più difficile per parrucchieri, bar, ristoranti estetisti.  Crisi  come nella 2a Guerra Mondiale, no, ma preoccupati, in difficoltà sì. La situazione mette paura, ovvio, ma tutto va preso con “ratio”, si prevedono difficoltà economiche, 10milioni di nuovi poveri, risparmi risicati, erosi.   Per esempio riempire i carrelli al supermercato è soltanto l’illusione di risolvere il problema, pensando solo a sé stessi, difficile restare in casa, si fanno le bizze. Come si risolve l’emergenza “virus”. Forse con scelte un po’ improvvisate, pronti a modificarle il giorno dopo. Da controlli effettuati dalle Forze dell’Ordine risulta che solo il 4% di persone disubbidisce uscendo. Per scusa dichiarano di aver visto dalla finestra altri correre in strada e sentite dalle finestre pesanti battute. In casa si ha tempo, ma che fare in questa vita segregata, che non si conosceva dalla “spagnola” 1919: unghie capelli, peli, fare la pasta, il pane, dolci (scarseggiava persino il lievito), riparare rubinetti, piccoli elettrodomestici, piccoli ritocchi di sartoria (mascherine), riparare una sedia, un rubinetto, guerra a sporco e polvere, stanchi di aver guardato i social, lavorato al Pc. La reclusione forzata ci ha insegnato tante cose. Con il ritorno alla normalità molto, forse tutto cambierà. Il Cnr sta studiando questa difficile situazione, per un ritorno alla normalità sociale sarà anche necessario arrivare ad intessere relazioni, recuperare certezze. Le Scuole in qualche modo si avviano alla chiusura e per fortuna si parla già del nuovo avvio in autunno nel rispetto degli spazi interpersonali con metà classe a Scuola, l’altra metà casa, on line, Certo se non facile per gli allievi, non certo meglio per i docenti, ma in attesa del  decreto del 18/5 effettuiamo insieme alla Regione il monitoraggio salute.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: