Attualità

Italia: nazione “incivile”… pur amandola, c’è da vergognarsi!

La parola “civiltà” implica certamente anche il concetto di curare chi ne ha bisogno, il concetto di aiuto e assistenza. Civiltà non significa certo solo cultura o benessere economico: la civiltà è qualcosa di sublime! Le nazioni del mondo o europee potremmo – ognuno di noi secondo le proprie convinzioni o idee politiche – distinguere in nazioni “civili” o “incivili”. Noi italiani “doc”, come vorremmo definire la nostra Italia? Ognuno, come dicevo, è liberissimo di classificarla come vuole in una scaletta che potrebbe andare da 1 a 10! Personalmente il punteggio che io sinceramente attribuisco alla nostra amata Italia è un bel 2! Il vero voto sarebbe uno, ma ne aggiungo un altro, proprio come fanno molti professori a scuola, a titolo di incoraggiamento. Mi chiederete il perché di una votazione così bassa, che va oltre e che è ben peggio di una gravissima insufficienza, che è una vera e propria bocciatura completa e assoluta. Il perché è presto detto: l’Italia è e resta una nazione “incivile” perché non ha rispetto né dei bambini, né dei giovani e né degli anziani, basta riflettere e far mente locale per rendersene conto! È molto triste da ammettere, ma la realtà è proprio questa! Una nazione, la nostra, che non ha ancora attuato una vera e capillare assistenza per i bambini e per i giovani che, sono sempre più allo sbando e senza punti di riferimento e che nemmeno l’istituzione scolastica (ancora troppo disorganizzata e nozionistica) non è in grado di offrire loro. Giovani che sempre più difficilmente trovano ad identificarsi nello sport che troppo spesso offre loro esempi assurdi e diseducativi, uno sport che, man mano che passano gli anni, diventa sempre più un lusso, con i costi di partecipazione ormai poco accessibili alle famiglie che sono in difficoltà, anche per fare la spesa.  Società sportive dilettantistiche in sempre più gravi difficoltà organizzative ed economiche (il discorso dei club professionistici è ben altro e non voglio affrontarlo!), bambini e giovani che non hanno più luoghi e possibilità di trovarsi insieme e di dedicarsi alla forma naturale e sana di movimento che è quella del “gioco”!  “Sport per tutti”? “Sport di tutti”? sono inutili slogan che fanno solo rabbia! Governo ed enti locali che pare ignorino completamente le esigenze dei giovani e che ben poco o nulla fanno per fare i necessari ed indispensabili stanziamenti e venire incontro a chi, del tutto disinteressatamente, dedica la vita ai giovani, per non parlare delle carenze strutturali delle scuole che le rendono poco sicure. Mancanza, quindi, di sensibilità e di responsabilità nei confronti dei giovani e dei ragazzi che – non è certo il caso di ricordarlo e sottolinearlo, rappresentano il futuro dell’Italia: un futuro incerto e, che per molti, molto buio! Ma, oltre i giovani, esisto i malati, tutti coloro che soffrono e che devono quotidianamente combattere contro le malattie e che hanno estremo bisogno di cure, di assistenza non solo ospedaliera, ma anche domiciliare. Dove sono i cosiddetti “servizi sociali”: quei pochi servizi esistenti sono poco operativi ed efficaci per mancanza di mezzi e di personale; entrambi sono assolutamente insufficienti e nulla il governo fa per migliorare questa assistenza, che, con l’aumento dei malati, è e deve essere primaria su tutto; ospedali con poca recettività, con pochi medici e infermieri, con attrezzature vetuste e, spesso poco funzionanti. A questo disservizio fa fronte il continuo aumento delle spese mediche generali e dei medicinali. “Assistenza domiciliare” fatta da pochi volontari non in grado di assolvere a tutte le esigenze e le richieste di anziani malati, spesso senza familiari in grado di occuparsi di loro. Malati lasciati a marcire e morire in casa come cani rognosi senza alcuna possibilità di comunicare con il mondo esterno. Visite specialistiche prenotabili, molto spesso, dopo molti mesi dalla richiesta. Si sente spesso dire che la sanità italiana sia una delle migliori, se non la migliore del mondo. Stupidaggine assurda e allucinante nonché falsa. Non bastano poche isole felici ove la sanità funziona veramente per dire che in Italia tutto vada bene. Aprite bene gli occhi e capirete la triste realtà in cui ci dibattiamo. Davanti al mondo ci spacciamo nel dire che siamo i migliori. Non va dimenticato, in questo quadro generale, l’enorme e mai risolto problema dei diversamente abili (dei cosiddetti portatori di handicap), che sono sia i giovani che i malati: disabili che, per le loro più diverse e gravi problematiche, vivono situazioni incredibili e paradossali con assistenza-zero, come fossero avanzi o rifiuti della società o pesi da sopportare. Persone che hanno estremo bisogno di tutto e di tutti e che non sono nemmeno più in grado di far valere le loro ragioni ed i loro sacrosanti diritti! È davvero nobile e meritoria l’operato dei servizi sociali esistenti ed operativi, ma in grado di aiutare sempre meno persone. Manca – e non c’è mai stata – una politica a livello nazionale per partecipare una realtà disastrosa e disumana. Non ci sono soldi? Può anche darsi, ma la realtà è anche e soprattutto un chiaro menefreghismo e assenteismo da parte delle nostre istituzioni. Vorrei concludere queste mie considerazioni parlando degli anziani che anziché rappresentare, come giusto che sia, un patrimonio di esperienze, sono considerati pesi morti che portano allo stato solo dei costi. Che tristezza invecchiare ed arrivare alla venerabile età di 85/90 anni rendendosi conto che il nostro governo ritiene gli anziani oggetti e non persone a cui lo stato corrisponde pensioni ridicole e da fame, la cui soma non serve nemmeno a sopravvivere. Pensioni di solo 500 euro che non bastano nemmeno a comprare gli alimenti necessari. E dove sono le case di cura e di lunga degenza che lo stato dovrebbe costruire e riservare a prezzi minimi e contenuti. A coloro che, per l’età non sono più assolutamente autosufficienti? Non è mai stata programmata un’edilizia popolare, riservata ai grandi vecchi, costretti a relegarsi nei ricoveri o nelle case di cura private ove la quota da pagare mensilmente è altissima e l’assistenza è assai precaria, se non a volte, del tutto inesistente. L’importante è pagare regolarmente ogni mese i costi della degenza a fronte di un piatto di pastasciutta scotta o di un mestolo di minestrina (di dado…) e di un formaggino. Poche davvero sono le realtà ove queste degenze sono accettabili e ove gli anziani, dopo una vita di lavoro, possono trovare assistenza e un po’ di calore umano. Le settimane che stiamo vivendo in questa maledetta pandemia del Coronavirus, hanno messo in luce gli incredibili scandali di moltissime case di riposo che si possono parificare, non solo a dei lazzaretti ma a dei veri e propri lager. A confronto i lazzaretti sono dei grand hotel a 5 stelle.  Centinaia e centinaia di anziani non curati, non protetti, lasciati uno appiccicato all’altro senza nessun controllo e precauzione. Personale addetto a queste persone dall’indubbia preparazione infermieristica, male equipaggiato e stressato da turni di lavoro massacranti fino al punto di far perdere loro ogni considerazione di umanità e comprensione. Sono state addirittura scoperte case di cura e di riposo per nulla autorizzate e senza nessuna licenza operativa che, ovviamente, veniva perpetuata e fatta a solo ed unico scopo di lucro per spennare questi anziani-pollo non più in grado di capire e comprendere il marciume in cui vivevano. Parenti lasciati all’oscuro dei problemi dei loro cari ed informati solo al momento del decesso dei degenti: roba da “campi nazisti”! Ma le case ed i ricoveri approvati o sotto la tutela e controllo da parte delle ASL, perché non sono stati accuratamente controllati? Chi deve rispondere e pagare per queste carenze paragonabili a dei veri e propri crimini? Chi sono i responsabili di queste carneficine che hanno indignato l’Italia intera? I parenti delle vittime e l’intero popolo italiano chiede che sia fatta giustizia e chi ha sbagliato paghi tutto e di più. In definitiva, è questa l’Italia che abbiamo voluto e che vogliamo avere? È questa l’Italia per cui i nostri padri e i nostri nonni hanno combattuto nelle guerre passate e troppo spesso dimenticate? È questa la libertà e la civiltà che ci è stata tramandata?   Forse forse – che l’Italia ci perdoni – ma c’è da “vergognarsi” di essere italiani e di crederci o di illuderci di essere una nazione incivile! No, cari amici, purtroppo non è così, e i tempi allucinanti che stiamo vivendo lo stanno eloquentemente dimostrando! Dov’è il nostro governo? Dove sono i nostri governanti ed i nostri amministratori? Perché non si rendono conto che stanno amministrando una nazione incivile? Perché incivile? Ribadisco il mio pensiero, comune a molte persone: perché la nostra bella Italia (che dicono essere il paese più bello del mondo) non ha rispetto per i giovani, per i malati, per gli anziani. Ed allora dov’è tutta questa reclamata civiltà? Lo è forse nelle favole e nei fumetti, ma, purtroppo, non proprio della nostra nazione! C’è quasi da pensare ad una rivoluzione sociologica seria, corretta e responsabile che i giovani, i malati e gli anziani siano al centro di tutte le attenzioni. Loro e solo loro, sono l’Italia dell’oggi e del domani!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: