Home > Attualità > Italiana Coke: prosegue l’attivita

Le prescrizioni cui adempiere occupano trentacinque pagine

Italiana Coke: prosegue l’attivita

Le prescrizioni cui adempiere occupano trentacinque pagine

Trascorsi ormai quattro anni dalla richiesta di riesame, preso atto degli “importanti interventi di miglioramento ambientale effettuati dall’azienda a partire dal 2010” e della “non più procastinabile conclusione del procedimento”, la Provincia di Savona ha rinnovato l’autorizzazione integrata ambientale all’Italiana Coke, consentendo alla grande impresa della Val Bormida di proseguire la produzione nello stabilimento di Bragno. Ma ha condizionato il via libera all’adempimento di tali e tante prescrizioni che occorre un allegato di 35 pagine per trascriverle, l’ultima di esse – che sicuramente non rappresenta un buon viatico – riguarda gli adempimenti e le responsabilità dell’azienda in caso decidesse di cessare l’attività.

Non sarà un cappio al collo, e del resto la lavorazione del carbone per produrre coke non può rappresentare un esempio di processo industriale pulito, ma certo,  trattandosi di uno stabilimento in concordato preventivo e per giunta vigilato speciale sul fronte dell’inquinamento, la situazione non è delle più semplici. Tanto che la società, nel giugno scorso, aveva già preventivamente presentato un ricorso al Tar contro le prescrizioni che erano già state anticipate in sede di conferenza dei servizi nel dicembre del 2018.

Le nuove prescrizioni introdotte riguardano in sintesi l’adeguamento di alcuni limiti nelle emissioni, l’adeguamento dei parchi di stoccaggio fossile e coke, l’introduzione di sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni in atmosfera provenienti dalle ciminiere delle batterie di “cottura” del coke. Tra l’altro l’azienda dovrà procedere alla pavimentazione del “parco fossile 3”, così come quella del cosiddetto “parco candela” e del parco destinato allo stoccaggio di emergenza del coke. Italiana Coke, entro 18 mesi dal rinnovo dell’Aia dovrà aver completato la pavimentazione del “parco fossile 3” e la relativa regimazione delle acque meteoriche, e adottato i sistemi di nebulizzazione in grado di mantenere umidificati i materiali depositati. Entro i successivi 6 mesi dovrà essere inoltre realizzata la pavimentazione dei parchi per lo stoccaggio di emergenza del coke.

Italiana Coke, in sede di tavolo tecnico e di conferenza dei servizi, aveva sottolineato che le potenziali emissioni originate dal coke rispetto al fossile sono assai diverse e, quindi, mettere sullo stesso piano i problemi del carbone con quelli del coke non è corretto. In questo modo aveva confutato alcune delle prescrizioni proposte dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpal), precisando di ritenere “che le tecniche impiegate, anche in relazione alla localizzazione degli stoccaggi, siano già idonee, e non ritiene accettabili le prescrizioni proposte relative alla pavimentazione dei parchi e all’altezza dei cumuli”, anche tenendo conto delle possibili eccedenze di mercato. Tra le prescrizioni anche quella che il numero di sfornamenti giornalieri non dovrà essere superiore a 115.

In sede di ulteriore confronto, la Provincia di Savona ha accolto parzialmente la richiesta dell’azienda di non prevedere rigide limitazioni delle altezze dei cumuli di fossile e coke nei parchi di stoccaggio ma ha respinto la richiesta di soprassedere all’avvio del monitoraggio in continuo sulle ciminiere per le polveri e gli ossidi di azoto e di zolfo. Divergenze che hanno indotto l’azienda a rivolgersi al Tar Liguria chiedendo l’annullamento (senza tuttavia richiesta di sospensiva) degli atti della conferenza dei servizi che aveva approvato le prescrizioni e che hanno portato alla decisione di Provincia, Regione, Asl, Arpal e Comune di Cairo Montenotte di adottare il provvedimento finale contenente il rilascio della nuova Aia, con tutte le prescrizioni al seguito; quando Italiana Coke delocalizzerà avremo, forse, aria più pulita, di certo, meno posti di lavoro e tutti alzerano alti lamenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *