domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > Juncker intervistato da Fazio

Juncker intervistato da Fazio

E’ appena andata in onda, su Rai Uno, alla trasmissione “Che tempo che fa”, l’intervista preannunciata di Fabio Fazio con Jean Claude Juncker, Presidente della Commissione Europea che, è bene ricordare a coloro che straparlano, o lanciano il loro raglio d’asino, che non va mai in cielo è bene sottolinearlo, da vari “Blog” della rete, non è il “Capo” dell’Unione Europea, bensì il Presidente dell’organo esecutivo e propositivo dell’Unione: il “capo” dell’Unione Europea è il Consiglio Europeo che, è ancora bene ricordare ai suddetti, è composto dagli Stati Membri dell’Unione in persona dei Capi di Stato o di Governo. Juncker ha risposto alle domande di Fazio in modo saggio ed equilibrato, da figura “istituzionale”, mettendo in rilievo il ruolo ed il significato dell’Unione Europea, la “sovranità” nell’appartenenza comune,anche in relazione agli scenari economici futuri, con qualche critica al Governo italiano, senza comunque alcuna ostilità verso il nostro Paese e verso noi italiani. A tale riguardo sconcerta cio che si legge su “Libero Quotidiano”, nell’imminenza dell’intervista:

La vicenda è nota: Fabio Fazio, nel suo Che tempo che fa di domenica sera, proporrà l’intervista a Jean-Claude Juncker. Dopo gli inchini ad Emmanuel Macron, quelli al presidente della Commissione europea, nemico giurato dell’Italia e del governo gialloverde. Servizio pubblico a senso unico, quello in onda su Rai 1. E sulla vicenda, riprendendo un articolo di Libero, Dagospia scodella un titolo assolutamente centrato. Scrive Dago: “La missione di Fazio? Portare Salvini al 40%! Dopo Macron, Fabiolo ospita ‘Gin’-Claude Juncker. Continua la sfilata in Rai di politici stranieri nemici del governo”. Tutto come scrive Dago: con queste manovre di disturbo, Fazio e Che tempo che fa con discreta approssimazione altro non fanno che contribuire alla crescita del consenso di Matteo Salvini e della Lega. “

A parte le espressioni non proprio eleganti all’indirizzo delle persone, che non fanno onore a quella che comunque è una testata di primo piano e su cui non vale la pena di soffermarsi, a parte che lo stesso “Libero” non mi sembra nutra eccessive simpatie per il Governo, quanto meno per la sua parte “gialla”, è bene chiarire che Juncker non è per nulla un “nemico” personale dell’Italia e chi ha seguito l’intervista ben l’ha potuto comprendere dalle sue parole, e che nemmeno può ssere trattato da “nemico”; l’Italia fa parte dell’Unione Europea, se non fosse chiaro, ne è tra i membri fondatori, ne ha sottoscritto tutti i trattati, non ha avviato nessun procedimento di uscita dall’Unione, come ha fatto il Regno Unito con le conseguenze folli che fanno parte della cronaca quotidiana, ed è proprio un italiano, Antonio Tajani, vice presidente di “Forza Italia” a ricoprire, con impegno e capacità, dal 17 gennaio 2017, la carica di Presidente del Parlamento Europeo. Sembra che, da tante parti, purtroppo, sia in corso un tentativo di delegittimazione dell’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea, che si vuole dipingere, falsamente, come un antagonista se non come un nemico è questa è veramente una politica di informazione a “senso unico” , che più unico di così non si può!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *