martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > La battaglia per via Stalingrado…a Cairo

La battaglia per via Stalingrado…a Cairo

La contrarietà all’idea dell’Amministrazione cairese di cambiare nome a via Stalingrado è stata di disparata provenienza e “trasversale”; un risvolto pittoresco di tale opposizione è stato rappresentato dalla pensata di un cittadino che aveva affisso dei volantini in via Roma manifestando ironicamente la propria contrarietà.
Individuato, gli è stata comminata una pesante sanzione pecuniaria. Chissa, alle prossime elezioni a chi darà il voto questo cittadino!

Sulla pagina Facebook “Cairo Democratica” si legge: “Apprendiamo la notizia che grazie a un lavoro di intelligence è stato preso chi ha osato con un volantino scherzoso dire la sua sull’assurda idea di cambiare il nome a delle vie già esistenti. È stata commessa un’infrazione, vero ! Ne esistono però di più gravi e più serie su cui impegnare risorse. Un esempio per tutti parcheggiare nel posto disabili senza averne diritto. Ben 460 € di multa, per il grave affronto, sono state comminate. Per ottenere questo risultato è stato messo in campo un dispiegamento di forze ed energie da parte dell’Amministrazione, spero che vengano utilizzati anche in occasione di ben più gravi e non solo perché in questa occasione si dava voce contro a chi ora amministra.
Verrebbe voglia di organizzare una colletta”.

Sul punto precisa Frank Rodino: “La precisazione del capogruppo di maggioranza che la multa assai salata è stata data non per i contenuti ma per la riproduzione dello stemma comunale sul volantino, è stata a dir poco oggetto di derisione ma anche di amarezza per il poco senso di umorismo che dovrebbe essere proprio di esponenti come tale capogruppo di maggioranza, che milita in una formazione politica che ha sempre difeso il diritto dei cittadini ad esprimersi liberamente contro chi li amministra.Nei messaggi postati nella pagina si possono leggere testimonianze precise di numerosi casi in cui l’amministrazione comunale di altri luoghi italici non ha multato atti goliardici praticamente uguali a quello messo in croce dall’amministrazione guidata dal sindaco Lambertini. Per esempio, a Sori nel 2015 un volantino simile, in cui si dichiarava il cambio d’uso dello stadio cittadino, riproduceva esattamente lo stemma comunale ma non è stato multato e anzi fu visto come occasione per farsi due risate tutti quanti, maggioranza e opposizione. Nessun dramma nemmeno, e sottolineiamo nessuna multa, per una locandina con stemma comunale apparsa l’anno scorso a Randazzo in cui si prendeva in giro l’amministrazione di sinistra proponendo una sorta di festival d’epoca sovietica. Lo stesso compianto Osvaldo Chebello, che fu sindaco a Cairo anni fa e tuttora viene indicato come modello da seguire specialmente dagli attuali amministratori, si comportò molto diversamente in un caso pressoché identico in cui vennero diffusi volantini che riportavano un falso bando comunale… il sindaco la prese sul ridere e l’eco delle sue risate giunge ora a ricordare all’attuale amministrazione comunale che la multa al giovane burlone è stata “un’azione vendicativa al limite della moralità”, come possiamo leggere tra i commenti dei cittadini, dato che, in altri luoghi e in altri tempi, amministratori più lungimiranti hanno evitato di esacerbare gli animi multando il malcapitato di turno che dava voce a quanti avevano da lamentarsi per l’operato dell’amministrazione“.
Già ci eravamo occupati del caso e riteniamo, almeno lo scrivente che se ne prende tutta la responsabilità, che sarebbe segno di assennatezza se non di saggezza, da parte dell’Amministrazione Lambertini, piantarla lì e pensare a problemi più urgenti, senza continuare a sostenere punti di vista che appaiono, sempre di più, come velleità ambiguamente motivate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *