mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Attualità > La Beata Teresa Bracco ricordata a Santa Giulia

La Beata Teresa Bracco ricordata a Santa Giulia

Una santa fra noi

La Beata Teresa Bracco è stata ricordata, come ogni anno, il 30 agosto a Santa Giulia di Dego. La Santità, talvolta, abita in mezzo noi, nel cuore e nell’anima di una ragazza semplice, “normale”, come Teresa Bracco!  Nata il 24 febbraio 1924, quando il borgo collinare, che oggi appare così caratteristicamente vetusto, era un comune autonomo, penultima dei sette figli di Giacomo ed Angela Bracco, cresciuta in un ambiente povero e dignitoso di agricoltori, frequentò le Scuole elementari del paese, per poi aiutare la famiglia  nelle sue attività e nelle incombenze domestiche; affascinata, ancora bambina, dalla figura del “ragazzo Santo”, San Domenico Savio (1842-1857), volle seguire il motto dell’eroico ragazzo “la morte ma non peccati” e, nella sua breve vita riservata e modesta adempì al suo voto. Ragazza molto bella, lavorava badando ad un gregge di pecore ed alternava il suo compito alla recita del Rosario. Il 29 agosto 1944, vittima di un rastrellamento tedesco, si oppose probabilmente ad un tentativo di violenza carnale e venne barbaramente uccisa da un graduato che la strangolò e le sparò pure un colpo di rivoltella al petto, infierendo ancora sul cadavere con calci, giungendo a sfondarle il cranio. Venne ritrovata due giorni dopo e subito si diffuse nei suoi riguardi, tra i compaesani, uno dei quali ebbe a dire di lei “Una ragazza così io non l’avevo mai vista prima e non l’ho mai più vista dopo”, la speciale considerazione riservata ai Santi. La sua figura venne paragonata alla personalità di Santa Maria Goretti. Nel 1989 il Tribunale ecclesiastico autorizzò la riesumazione della salma per confermare le circostanze della sua morte e, nel 1998, Papa Giovanni Paolo II, la proclamò beata durante la visita, a Torino, alla Sacra Sindone e fissò il 29 agosto come giorno dedicato alla festività liturgica in suo onore.

La Santa Messa è stata celebrata, il giorno 30, dal vescovo di Acqui, Monsignor Luigi Testore che, nell’Omelia, ha spiegato il tema del dono di se stessi in quanto discepoli di Gesù. Così  si è espresso il prelato:” Teresa è stata una vera discepola di Gesù, perché si è lasciata guidare dalla parola del capitolo10 del Vangelo di Matteo che ci invita a non avere paura e a donare con gioia. Chiediamo alla sua intercessione la grazia di essere anche noi discepoli e di saper affrontare senza timore le complessità del nostro tempo“. La commemorazione della beata Teresa Bracco  è preceduta, come sempre, da un ottovario di celebrazioni per le quali, quest’anno, si sono alternati numerosi sacerdoti della Diocesi, il Vicario generale diocesano Monsignor Paolo Parodi ed il Vescovo emerito di Savona Vittorio Lupi.

Teresa Bracco è una figura semplice e fulgida, come si dice con un aggettivo che suona retorico ma che sempre è riservato a personaggi così eccezionali, sotto tutti gli aspetti. La morte di Teresa coinvolge anche le vicende della Resistenza, seppure non venga ricordata, in genere, in tale contesto. Se mai leggesse queste brevi righe, sfiderei il noto storico, saggista, giornalista e accademico, come lo definisce, e come del resto è, Wikipedia, a scrivere su di lei una biografia altrettanto irrispettosa e irrispettabile, probabilmente stilata a fini provocatori, di quella dedicata a Santa Maria Goretti, nel libro, che a suo tempo aveva suscitato un po’ di rumore “Povera Santa, Povero assassino”; sarei curioso di sapere come il sopra citato illustre intellettuale saprebbe ingegnarsi per rovinare pure questa nobile – e santa-  figura!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *