lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > La bolla Italia e la malapolitica

La bolla Italia e la malapolitica

Paolo Flores d’Arcais ha scritto, il Fatto Quotidiano 17 settembre 2013: ‘… siamo dentro a un disgutoso mondo alla rovescia, dove la virtù repubblicana diventa colpa inemandabile, mentre i ciclopici vizi della più inetta e corrotta e mediocre e bugiarda e infingarda classe politica d’occidente vengono santificati a baluardo contro la catastrofe quando ne sono causa e motore’.  E’ pur vero che in Italia tutto defluisce al peggio, la Democrazia svilita, la Costituzione tagliuzzata, le riforme volatilizzate, Senato e Province sempre imbandite al desco dell’abbuffata, nessuna diminuizione significativa dei costi della politica (la nostra, in assoluto, la più cara del mondo). E poco importa, per chi è abituato a vivere negli alti scragni del potere con auto blu e sexy segretarie scodinzolanti, se i cittadini sono costretti a spolpare l’osso (‘ossobuco’, gli 80 euro di Matteo Renzi) per potere sopravvivere ‘che stare a dieta fa bene alla salute’ a detta di un noto politico grassone). Con i giovani parcheggiati nelle Università a carico perenne delle famiglie, gli operai licenziati o in cassa integrazione, i piccoli commercianti costretti a chiudere le proprie attività per non affogare nei debiti, le nostre migliori aziende in fuga in Stati dove è possibile lavorare senza i lacci e le tagliole della nostra burocrazia ogni giorno più aggressiva e tentacolare. Uno scoramento letale senza alcuna certezza nel divenire, con atti anche incosulti messi in atto da chi si è ritrovato solo e disperato. Si continua a parlare di pace e ogni giorno inizia una nuova guerra con costi che il buon senso direbbe tanto inutili quanto stupidi, spesso con la perdita di vite umane di nostri connazionali, commistione tra le Istituzioni e la criminalità organizzata, dilagano droga e sessualità mercenaria, i pilastri della sicurezza del vivere civile sono sempre più vacillanti, si baratta la dignità per un pugno di lenticchie. Ci si annulla nell’abulia del pensiero debole, interessati solo ad uno stato symbol taroccato, ‘apparire per essere’, staccato da qualsiasi sogno dionisiaco, con comportamenti anche violenti se ritenuti efficaci a tacitare coloro che vi si oppongono. E una ‘eufemia’, oggi, il ‘rispettare il prossimo come noi stessi’, siamo ciechi e sordi ad ogni richiamo di saggia partecipazione con il nostro prossimo, ‘denaro e coscienza’ sono cementati e non hanno differenza di peso. La distanza tra i giovani e i vecchi è ormai incolmabile, entusiami ed esperienze non hanno più ascolto, tutto è appiattito e giustifcato da una ‘non cultura’ fortemente individuale, chi dovrebbe ‘aprirci gli occhi’, risvegliare sentimenti e riflessioni, informarci ed istruirci, i cosidetti intellettuali (‘per il principio incomprensibile agli intelligenti’, Aldo Busi) ci offuscano con i loro ‘bla bla’ furbescamente confezionati, intellettuali teleguidati e al servizio del ‘Monarca’ di turno. Di tutto ciò è chiaramente colpevole la politica, ovvero ‘la mala politica’. Non se ne esce più, l’Italia è prigioniera di un bolla infernale, chi dovrebbe intervenire per porvi rimedio o è incapace, o trova conveniente tale situazione per trarne profitto, nessuno dei nostri politici si pone il problema che prima o poi, come le bolle di sapone, anche la bolla Italia è destinata a scoppiare.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *