giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > La casa di Giorgio Gallesio in Tribunale

La casa di Giorgio Gallesio in Tribunale

La dimora nativa dell'illustre botanico finalese all'asta

Saranno messi all’asta in Tribunale, il prossimo 12 febbraio 2020, i locali del piano terreno di Palazzo Gallesio, a Finalborgo, edificio di notevole pregio architettonico nel centro storico dell’affascinante Finalborgo, dal XII al XVIII secolo, capitale e centro amministrativo del marchesato del Finale. In questa casa, il conte cavalier Giorgio Gallesio – botanico, magistrato, deputato, pubblico funzionario, diplomatico – nacque nel 1772, mentre riposa ora a Firenze, dove morì nel 1839, tra i grandi italiani di Santa Croce, le cui “urne” vennero celebrate da Foscolo in un compimento poetico, “I sepolcri”, fra i più insigni della letteratura italiana!

L’intero edificio si sviluppa su tre piani fuori terra ed è stato costruito, quanto meno il suo nucleo, nel XVI secolo.

Nel 2006 l’unità immobiliare ha subito la variazione della destinazione d’uso da civile abitazione a negozio e allo stato attuale la casa è libera. Vi si accede dal civico 33 di via Gallesio, attraverso un ampio e pregevole atrio di ingresso con ampia scala ad una rampa con volte a crociera. Le pedate e le alzate sono in ardesia. L’immobile, che si affaccia con 7 finestre su via dell’Annunziata e con altre due finestre sul giardino interno, è composto di 5 ampie camere passanti con pavimenti in ardesia e marmo e soffitti a volta affrescati.

La base d’asta, sulle risultanze della perizia eseguita dall’architetto Giovanni Baldi di Savona, è stata fissata a 435 mila euro (l’offerta minima da presentare al delegato alla vendita, il commercialista Maurizio Ferro, per poter partecipare alla gara è pari a 327 mila euro). La vendita sarà esperita il 12 febbraio alle ore 9,15 nell’aula 1 al secondo piano del Tribunale di Savona. E così l’illustre finalese, il “Linneo ligure”, lo potremmo definire, autore della celebrata, ai tempi, “Pomona Italiana”, finisce in Tribunale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *