sabato, settembre 22, 2018
Home > Attualità > La Chiesa di San Michele a Noli sarà recuperata

La Chiesa di San Michele a Noli sarà recuperata


di Giorgio Siri - 3 gennaio 2018, 8:38

Il Comune di Noli ha ottenuto, nel 2017,fondi pubblici per oltre 7 milioni e mezzo di euro, attraverso la partecipazione a diversi bandi ministeriali e regionali, che verranno impiegati per interventi presso le scuole elementari e medie, per la delocalizzazione della strada Luminella, per la prevenzione del dissesto idrogeologico, per il parcheggio in frazione Tosse, per la razionalizzazione energetica a Villa Rosa, per la causa in via Belvedere ed altro; oltre a ciò è riuscito ad ottenere un importante contributo in tema di valorizzazione e recupero del patrimonio storico-culturale.

La Commissione per la selezione degli interventi dedicati al progetto “Bellezza@ – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati” ha infatti concluso le proprie attività nella riunione del 15 dicembre riconoscendo al sito di San Michele un cospicuo stanziamento di euro 35.000.

“Sono state 139.000 le istanze provenienti da tutta italia, 8000 i luoghi segnalati e solo 273 quelli finanziati. Un orgoglio per la comunità di Noli – così si esprime il Consigliere comunale con delega alla cultura Piera Barisone – Due anni fa abbiamo avviato un tavolo di confronto al quale hanno preso parte il comitato di San Michele, i tecnici comunali e la Sovrintendenza sviluppando e proponendo uno studio di fattibilita’ di cui oggi ne raccogliamo i frutti. Ringrazio in modo particolare il signor Claudio Sciutto, l’architetto Maria Pia Moroni, i dipendenti comunali ed i firmatari per San Michele che con il loro impegno hanno permesso di raggiungere questo importante obiettivo”.

Secondo talune fonti storiche la chiesa di san Michele di Noli, simile alla cappella che si erge sull’isola di Bergeggi, fu edificata tra il X e l’XI secolo dai Monaci dell’abbazia di Lerins. In epoca più tarda sarebbe stato aggiunto il campanile “a vela”. Una precisa e documentata descrizione della chiesa è contenuta  in un manoscritto di Niccolò Mascardi, Visitatore apostolico nella diocesi di Noli. L’edificio si presenta in forte stato di degrado e di deperimento, nonostante nel siano stati eseguiti, nel 1963, lavori di restauro conservativo. All’interno, nella volta a botte, si trovano le tracce di un affresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *