martedì, Agosto 20, 2019
Home > Cronaca > La Concordia della discordia

La Concordia della discordia

Nel vortice delle notizie sul naufragio della “Concordia” mi sento in dovere di dare voce a quelli che non torneranno a casa e a quelli che li aspettano. Perché mi sento coinvolta e triste? Perché sono nata in una famiglia che ha avuto due dispersi in mare. Quando osservammo con mia sorella la stupenda e accattivante “Concordia”ci guardammo e ci dicemmo che non saremmo salite mai su una nave del genere e che avremmo optato per la Vespucci. Perché?

Perché siamo gente di mare: io in particolare sono, per cosi dire, nata sul motopesca di famiglia. Quando ho visto l’immagine di quella bella nave incagliata e spiaggiata come una balena ferita, il mio primo pensiero è stato di poter vedere sani e salvi i dispersi. Ma la cosa ancora più triste e che mi rende ancor più bruciante e acuto il sentimento, che mi ha preso da quel momento, misto di rabbia ed impotenza , è che questo terribile naufragio è accaduto al mio paese di origine: Porto Santo Stefano e il Giglio sono le terre dove vorrei tornare per sentirmi di nuovo a casa. Tutto il dolore di questa gente incredula e terrorizzata non mi è nuovo: tanti “se” sorgono e sentimenti di colpa in quelli che guardano dal di fuori il fatto o lo vivono in prima persona. Non si può credere che la vanità porti a tanto lutto. Eppure la gente dell’Argentario ha subito perdite di persone care, di cui ha potuto solo erigere magari un monumento a ricordare la perdita di un intero equipaggio: svanito con tutto il bastimento. E ora? Per la vanità umana di sfidare il mare con potenti moderni strumenti tecnici, l’uomo è uscito sconfitto. Naufraghi, parenti degli scomparsi e soccorritori portano nell’animo la rabbia dell’impotenza: quella che mi porto dentro ogni volta che “si porta a perdere una barca”. Per la gente di mare “la barca” è un tutt’uno con la gente che trasporta : è quella che ti porta in salvo e bisogna salvare. Questa terribile esperienza ha coinvolto gente di tutto il mondo e speriamo che serva a rivedere certi comportamenti come lo sciacallaggio mediatico e il turismo dei curiosi a caccia di foto di dubbio gusto. Le ferite si rimarginano ma quelle dell’anima rimangono: un abbraccio ideale a quelli che il mare, suo malgrado spettatore delle vicende umane, ha portato via persone care. Tra l’altro, nella nostra città,in questi giorni si commemora il naufragio della “Tito Campanella”.

Gabriella De Gregori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *