sabato, dicembre 15, 2018
Home > Cultura > La consegna del premio “Inquieto dell’anno” a Guido Ceronetti ha chiuso la Festa dell’Inquietudine

La consegna del premio “Inquieto dell’anno” a Guido Ceronetti ha chiuso la Festa dell’Inquietudine


di - 3 giugno 2013, 11:13

La consegna del sedicesimo Premio Inquieto dell’Anno a Guido Ceronetti, uomo poliedrico di grande cultura, poeta, filosofo, scrittore, giornalista e drammaturgo, autore di traduzioni di grande importanza di libri della Bibbia dall’ebraico e dal latino, ha segnato il clou della Festa dell’Inquietudine, che si è conclusa ieri sera a Finale Ligure.

Il premio assegnato dal Circolo degli Inquieti non ha un valore venale e consiste in una pentola di terracotta sghimbescia, schiacciata da un lato e contenente un piccolo drappo di lino con il titolo di Inquieto ricamato.  “E’ una simpatica attestazione pubblica al personaggio che, indipendentemente dai suoi campi di interesse o di attività, si sia contraddistinto per il suo essere inquieto, cioè vivace intellettualmente e sentimentalmente, desideroso di conoscere e di conoscersi, di intendere il conosciuto e il conoscibile, di intraprendere iniziative e avventure nuove”, spiegano al Circolo. Nell’albo d’oro degli Inquieti compaiono personaggi come don Luigi Ciotti, Milly e Massimo Moratti, Raffaella Carrà, Oliviero Toscani, Gad Lerner, Gino Paoli, Antonio Ricci, Costa Gavras, Elio di “Elio e le Storie Tese” e Renato Zero. Gli ultimi premiati sono stati Ferruccio de Bortoli e gli abitanti dell’Aquila.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *