martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Sport > La Consulta dello Sport a Savona

La Consulta dello Sport a Savona

Non è certo stata scoperta l’acqua calda, ma il Comune di Savona, finalmente, sull’esempio di altre amministrazioni comunali, ha istituito con tanto di delibera di giunta comunale la “Consulta dello Sport”, organo che dovrebbe, almeno nelle buone intenzioni dell’Assessore allo sport Luca Martino, funzionare come aiuto e supporto alle scelte che il Comune stesso dovrà fare nell’ambito sportivo: un ambito, peraltro, sempre più vasto e che, senza ombra di dubbio, coinvolge tutta la città, con i suoi operatori, le loro famiglie, gli atleti/e.

Erano anni, in verità, che lo sport savonese attendeva una sua gratifica: questa potrebbe arrivare proprio dalla “consulta dello sport” formata da rappresentanti delle società sportive savonesi, dai presidenti delle federazioni sportive nazionali, dai rappresentanti degli enti di promozione sportiva e da rappresentanti del più diverso associazionismo sportivo. Un organismo un pò numeroso a dire il vero che sarà snellito con la formazione di un “esecutivo” di una quindicina di persone anche se ogni decisione passerà al vaglio definitivo della votazione di tutti i componenti della consulta. La riunione di insediamento è stata fatta in comune nella storica “Sala Rossa” a metà di dicembre: a questo incontro ne seguirà un secondo previsto per la fine di gennaio. Tanti, forse troppi, gli argomenti e le tematiche che saranno trattate: non manca certamente la buona volontà da parte di tutti i componenti. La consulta non avrà certo poteri decisionali, ma potrà dare utilissime indicazioni a tutta l’amministrazione comunale sulle scelte da fare e sulle priorità che andranno seguite per cercare di migliorare sempre questo importantissimo aspetto della vita sociale della città che è, appunto, lo sport con il suo globale coinvolgimento della cittadinanza al di là certamente della colorazione politica di ognuno. Lo sport, peraltro, deve essere e deve restare “apolitico” nell’interesse esclusivo dei nostri giovani che, proprio nello sport, devono avere un importante punto di riferimento in una società sempre più priva di valori e di ideali. Valori e ideali che vanno nuovamente ricercati e inculcati nei giovani che nell’attività sportiva e nelle varie discipline sportive devono trovare sicurezza, amicizia e il piacere del movimento e dell’agonismo. Sarà certamente quello dell’impiantistica il problema che terrà banco maggiormente e dove andranno fatte scelte precise e mirate. Diamo quindi tempo al tempo e attendiamo con fiducia questo nuovo organismo che non deve restare cartaceo, ma elastico e operativo nella speranza che venga poi “sentito” dagli amministratori.

Carlo Colla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *