giovedì, Gennaio 23, 2020
Home > Attualità > La Consulta Ligure a Recco

La Consulta Ligure a Recco

Momenti di studio e di convivialità

Ieri, a Recco, nella sala convegni del Palazzo Comunale, la Consulta Ligure ha tenuto l’ultima delle assemblee dell’anno 2019. La Consulta, associazione di associazioni culturali, persegue con costanza, sulla scia del lascito morale ed intellettuale del fondatore, l’indimenticabile ed instancabile Elmo Bazzano, lo scopo di tenere vivi il patrimonio e le tradizioni culturali locali, a partire dalla salvaguardia del dialetto o meglio, delle varie parlate dialettali liguri.La Consulta è un po’ sempre alla ricerca di se stessa, puntando ad essere presente ed a trovare uno spazio istituzionale ad essa confacente; pur se spesso, da parte degli stessi membri che ne fanno parte, emergono dubbi sull’efficacia dell’azione promozionale svolta, il solo fatto di riunirsi, di essere presenti, di continuare a testimoniare ed a riscoprire i molteplici aspetti della cultura locale,  costituisce già un assolvimento dello scopo sociale! Per non dire che a “Cumpagna” di Genova, una delle protagoniste, e giustamente, della compagine, è ben vigile ed attiva ed il suo indefesso animatore, il professor Franco Bampi, è presente, in Televisione, con la trasmissione “Liguria ancheu” di Primo Canale, per approfondire temi linguistici, storici, di costume, per mettere in evidenza curiosità odierne insieme con memorie del passato, per renderci conto di che cosa e chi siamo, per illustrare tutta la ricchezza e la bellezza della cultura ligure, non solo nelle espressioni di lettere ed arti, ma nelle molteplici inclinazioni del fare: dall’artigianato, alla gastronomia, dall’agricoltura, con la nostra strordinaria civiltà dell’ulivo, alla marineria; e pure i momenti conviviali, e quello di eri è stato particolarmente coinvolgente, servono a ricordare le tradizioni a tavola, anch’esse patrimonio da serbare gelosamente,specie oggi, in piena diffusione della passione per la cucina e per l’enologia…

E, a proposito di renderci conto di chi siamo e di scoprire ciò che possediamo, i versi di Benedetto Mortola, recitati dall’autore, ci hanno ancora una volta rammentato quale capacità espressiva possa raggiungere il dialetto, tante volte ritenuto adatto al solo metteggio od alla macchietta, e ci ha sorpreso la visita alla Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista e San Giovanni Bono. Edificio costruito alla fine degli anni 1940, su progetto degli architetti coniugi Travaglio,dopo che i bombardamenti del 1943 e del 1944, oltre a segnare indelebilmente il volto della sfortunata Recco, ebbero distrutto il precedente luogo di culto, è un interessante esempio di architettura religiosa moderna. A metà fra Razionalismo ed Art Decò  e tale è pur sempre lo stile Littorio, o “Novecento”, secondo una migliore definizione storico-artistica, cui le forme della chiesa sembrerebbero doversi ascrivere, essa reca il fondamentale apporto decorativo di Giuseppe Santagata (Genova 1988- Recco 1985), autore del mosaico sulla facciata e del rivestimento, sempre a mosaico, dell’imponente cupola; personalità interessante, un po’ Chagall, un po’ Klimt, un po’ Dorè, mi si passi gli arditi accostamenti, prossimo anche al nostro Eso Peluzzi, nei lavori per la Parrocchiale di Recco, l’artista esprime comunque ansie ed approdi tipici di un filone della ricerca artistica del XX secolo. Notevoli anche i pannelli della Via Crucis di Guido Galletti (1893-1977). Nella chiesa sono inoltre conservati altari del precedente edificio e quadri e sculture dal XVII al XIX secolo, con autori come Assereto, Ansaldo, De Ferrari, Schiaffino, Maragliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *