giovedì, Gennaio 23, 2020
Home > Attualità > La differenziata semina zizzania

La differenziata semina zizzania

varazze

Varazze: il capogruppo in  Consiglio comunale di “Amo Varazze”, Gianantonio Cerruti, martedì scorso 21 agosto aveva espresso una certa soddisfazione per la modifica al regolamento comunale per la disciplina del servizio di gestione rifiuti, approvata dal consiglio comunale lo scorso 27 luglio, e per la relativa concovazione di un incontro pubblico sui problemi inerenti la raccolta dei rifiuti, che si è tenuto ieri sera, 22 agosto, alle ore 21.00, presso il Palazzetto dello Sport, in piazza Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa; aveva però espresso critiche serrate:

“Attualmente siamo il comune maglia nera della provincia nella raccolta differenziata spinta, con percentuale poco sopra al 62%, comunque al di sotto del minimo consentito dalla legge del 65%, il che ci farà incorrere in sanzioni. Ci chiediamo come comuni orograficamente e dimensionalmente simili al nostro possano essere giunti a percentuali di gran lunga superiori applicando tra l’altro la TARI ad importi decisamente inferiori, tra cui Albisola Superiore (ben oltre l’80%) e Cogoleto (oltre il 74%). Non riteniamo però ancora sufficienti le iniziative della giunta di cui siamo venuti a conoscenza in questi giorni, a seguito delle nostre denunce e del recente colloquio tenuto con Sat per ascoltare le problematiche” così aveva dichiarato Cerruti e continuava:”I varazzini sono anche demotivati da un insieme di fattori che in parte purtroppo giustificano il flop. Infatti esiste un sistema di raccolta costituito da costosissimi bidoni “antiuomo”, difficili da aprire mediante complicate chiavette, specie per gli anziani, e con assurde griglie che rendono molto complicato gettare i rifiuti differenziati. E’ poi incredibile come un paese turistico come il nostro impedisca ai turisti di gettare i rifiuti poiché coloro che vengono in città occasionalmente non possiedono la chiavetta di apertura e così lasciano i rifiuti fuori dei bidoni, creando notevoli problematiche di decoro e igiene urbana.Infine altra causa di demotivazione riteniamo sia il fatto che i cittadini si vedono passare a tutte le ore gli enormi camion dell’Amiu, pieni di rifiuti indifferenziati e maleodoranti provenienti dal genovesato, che sversano liquami quasi giornalmente sulla s.p. 57 verso la discarica della Ramognina. Abbiamo una giunta che fa cassa con i rifiuti indifferenziati ed e’ la prima a non dare un buon esempio ai concittadini. In futuro sarà opportuno riorganizzare e rivedere il sistema di raccolta perché quello attuale possiede enormi limiti e non permetterà di raggiungere, neppure col tempo, percentuali che si avvicinano agli altri comuni, che invece credono nella differenziazione del rifiuto” .

La replica del Sindaco Alessandro Bozzano, nella giornata di ieri, non si è fatta attendere ed è stata del seguente tenore:  “Ringrazio il Consigliere Cerruti per aver contribuito alla divulgazione dell’evento di comunicazione e formazione sulla raccolta differenziata che si terrà questa sera al Palazzetto dello sport e del suo attestato sul lavoro svolto da questa Amministrazione con il nuovo regolamento di igiene urbana . L’iniziativa si inquadra nel programma di formazione prevista dal contratto con S.A.T. e continuerà secondo le disposizioni contrattuali fino al 2020. Non costituisce quindi un nuovo inizio ma una prosecuzione prevista del programma pluriennale di formazione ed informazione“.

Faccio osservare che i dati relativi al 2017 sulla percentuale di raccolta differenziata del Comune al  62 % risentono del fatto che fino all’aprile di quell’anno il servizio non era ancora attivo nelle aree periferiche e frazionali e conseguentemente non sono ancora rappresentativi del nuovo servizio per l’intera annualità. Relativamente al confronto effettuato dal consigliere Cerruti con altri comuni, ed in particolare con il comune di Albisola Superiore, ricordo che  il servizio di raccolta spinto della frazione differenziata in quel comune fu avviato nel 2012, ben prima dell’avvio di Varazze. Questa Amministrazione entrata in carica a metà del 2014 con una percentuale di differenziata raccolta del 30,26 ha dovuto sopperire alle carenze organizzative delle precedenti Amministrazioni che non avviarono per tempo un sistema di raccolta spinto“.

Se il Consigliere Cerruti avesse avuto a cuore il problema sicuramente avrebbe potuto, essendo assessore dal 2009 al 2014, provvedere per tempo a  istituire un sistema di raccolta efficace che raggiungesse il valore del 65%, come fece il comune di Albisola, consentendo a questa Amministrazione di concentrarsi su altre problematiche“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *