lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Politica > La fabbrica ideale

La fabbrica ideale


di - 9 Gennaio 2012, 9:18

Innanzi tutto come può essere una fabbrica ideale? Proviamo a descriverla: sicuramente ha a che fare con la produzione di manufatti, ma noi sappiamo che le fabbriche reali sono luoghi dove per produrre è necessario il contributo del lavoro umano, per quanto sia automatizzato ancora oggi uno dei fattori che incide sul costo del prodotto finale è sicuramente il costo del lavoro. Una fabbrica ideale quindi la si potrebbe pensare come un luogo che produce manufatti con un costo del lavoro tendente a zero e con scarso contributo dello stesso. Una fabbrica di questo tipo dovrebbe essere totalmente automatizzata.

Quindi in teoria prima o poi potrebbe esistere, una fabbrica che produce senza che l’uomo debba lavorare: è il sogno dell’umanità!
Detto così sembra una cosa meravigliosa, quando noi pensiamo a un tipo di produzione totalmente esente dal lavoro dell’uomo , dovremmo pensare anche a un tipo di società umana che ha risolto gran parte delle proprie incongruenze culturali sociali ed economiche, e che viva beatamente dei frutti di una tecnologia che è riuscita a sollevare l’uomo dal tedio e dalle fatiche del lavoro, essenzialmente ridistribuendo in maniera equa tra la collettività.
Forse tutto questo un giorno esisterà, o forse no, per adesso mi viene in mente soltanto che un tipo di società futuristica così fatta è stata descritta da Gene Roddenberry nella serie Star Trek. In quel caso la specie umana aveva risolto la maggior parte dei conflitti sociali ed era approdata a una comunità planetaria dedita all’esplorazione dello spazio.
Tornando a noi , poniamoci la seguente domanda: se oggi esistesse una struttura capace di produrre senza l’ausilio del lavoro umano cosa succederebbe?
Siamo in presenza di una ideologia capitalista estrema (neo-liberismo) , una ideologia che ha fatto del libero mercato un fine , e non ciò che dovrebbe essere, un mezzo per migliorare la condizione umana attraverso un libero mercato che metta al centro l’uomo e le sue necessità, e che consideri il nostro pianeta un’entità fisica finita .
In questo caso avere una struttura capace di produrre da sola , sarebbe sicuramente il sogno di ogni capitalista , metterebbe però in evidenza l’altro problema del libero mercato : ci vuole un consumatore che abbia un reddito , altrimenti non sarebbe possibile vendere alcunché , e le merci rimarrebbero accatastate nei magazzini.
A questo punto chiediamoci come potrebbe essere una società ideale?
Sicuramente dovrebbe coinvolgere tutto il pianeta Terra , e possiamo immaginarla come una collettività unica , che abbia risolto la maggior parte dei problemi economici che ancora affliggono la specie umana, con un livello culturale elevato, i conflitti non verrebbero più risolti con mezzi truci e spietati , non verrebbero più intraprese guerre economiche , e la comunità umana vivrebbe in pace con se stessa in un sistema democratico reale che abbia anche risolto la gran parte del problemi sociali.

Siamo ancora lontani da questo traguardo, forse non ci arriveremo mai, o forse chissà, sperare però è lecito, e pensare che il domani possa andare in una direzione di quel genere non potrebbe che farci bene.
Per il momento , siamo in questo presente , e questo è il nostro campo di battaglia.
Il sistema del commercio Globalizato , passato sopra le nostre teste e senza la nostra reale approvazione , ha fornito agli avidi capitalisti Neo-liberal ,qualcosa che si avvicina a una struttura di produzione ideale. Avendo a disposizione qualche miliardo di lavoratori a basso costo, non doveva fare altro che portar loro aziende con tecnologia occidentale; distrutte tutte le difese commerciali, ha importato i manufatti a basso costo nuovamente in occidente , o comunque in tutti quei paesi ad economia avanzata, distruggendo di fatto la classe media di quei paesi, che non hanno più visto crescere il loro reddito. Il reddito della classe lavoratrice occidentale è quindi vistosamente calato , i posti di lavoro che consentivano di avere una società avanzata con tutti quei diritti duramente conquistati a furor di lotte , sono sfumati , gli stati che compongono l’occidente sono entrati in fibrillazione , avendo dovuto salvare un sistema finanziario perlomeno discutibile, con la conseguenza che adesso ad essere in grave deficit sono gli stati occidentali stessi.
Oggi assistiamo al crollo del sistema economico occidentale, e credetemi con le attuali regole non è possibile invertire la tendenza.
Ma domandiamoci se questa pratica può ancora durare a lungo, se cioè questo sistema produttivo sarà in grado di riprodurre se stesso ancora per molto.
Molto dipende dal fatto che i lavoratori occidentali e non, prendano coscienza di ciò che sta avvenendo loro. Questo sistema ha permesso per esempio ai 200 uomini più ricchi del mondo di accumulare tante risorse come 2 miliadi e 300.000.000 esseri umani (dati ONU).
Nei paesi a economia avanzata che fino ad adesso hanno fatto da mercato di sbocco per questo sistema, sta già mancando l’ossiggeno finanziario .

Ma come andrà a finire tutto questo? Questa ultima parte dell’articolo arriva dopo un po’ di tempo dalla parte precedente e incomincia proprio con questa domanda.
Nessuno ha risposte precise sul futuro, ma possiamo almeno tentare delle proiezioni sui ciò che potrebbe succedere. Intanto ho scoperto che la tecnologia ha fatto passi da gigante diventando essa stessa fonte di problemi quando non risolve. Il costo del lavoro su una autovettura prodotta dalla Fiat auto per esempio è del 7% del prodotto finale , e questo è solo un esempio , ma credo che in quasi tutti i settori industriali la tecnologia abbia abbassato notevolmente il costo del lavoro. Quindi la fabbrica ideale è quasi pronta, ma di contro non esiste ancora una società umana pronta a ridistribuire i benefici che ne’ derivano .
Ecco: avere una produzione con un costo del lavoro bassissimo crea problemi più di quanti non ne risolva , se si pensa che i benefici debbano andare soltanto a pochi a scapito di tutti gli altri.
In una società i cui i frutti della tecnologia hanno come effetto lo spostamento di ricchezza dalla collettività in mano a pochi , con il tempo può succedere soltanto una cosa: che la coesione sociale si sbriciolerà. Ed ecco il punto, la crisi che stiamo attraversando che a detta di molti è “sistemica” nel senso che chiude definitivamente un ciclo economico e oserei dire anche sociale visto le soluzioni messe in campo, vede semplicemente la convergenza di più fattori negativi, ma hanno tutte un punto in comune: l’impoverimento e la fine di prospettive di crescita per la stragrande parte della popolazione occidentale. Oggi da noi l’idea dominante della nuova borghesia finanziaria-imprenditoriale è che si debbano indebitare le popolazioni , per poi sottrarne i beni sia privati che pubblici, ma essi già sanno che questo è possibile grazie alla concomitanza di fattori a loro favorevoli : l’annullamento delle collettività attraverso la sottrazione dei mezzi di sostentamento e di produzione , li renderà mansuete e inclini ai ricatti ben sapendo che questo è solo l’inizio dello smantellamento, del cosiddetto sistema di protezione sociale .
E la politica?
Io credo che la responsabilità finale sarà imputata ad essa , ma sarà oggetto di un prossimo articolo.

Antonino Costa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *