lunedì, Luglio 15, 2019
Home > Cultura e Musica > La famiglia di Cristoforo Colombo secondo i contemporanei

La famiglia di Cristoforo Colombo secondo i contemporanei

(segue dal precedente articolo) Se Cristoforo Colombo non era figlio di Domenico Colombo, tessitore di panni di Genova-Quinto, a quale famiglia apparteneva? Per comprenderlo non vi è altra strada che quella indicata dalle testimonianze dei contemporanei che, come d’altronde avviene per tutti i personaggi illustri della storia, rappresentano il punto di partenza per ulteriori indagini. Prenderò dunque in considerazione le fonti più attendibili, cioè coloro che hanno conosciuto personalmente Cristoforo o la sua famiglia, senza trascurare quanto l’Ammiraglio dice di se stesso.

Inizierò da  Bartolomeo de Las Casas, che era un frate dominicano molto amico della famiglia Colombo, il cui padre e zio avevano partecipato al secondo viaggio di Cristoforo verso il Nuovo Mondo.  Diverse lettere di Colombo ci sono pervenute nella trascrizione del De Las Casas; egli  afferma che Cristoforo aveva un’ottima calligrafia. Ecco dunque cosa dice nella “Historia de Las Indias”, riguardo la famiglia del Descubridor: “ I suoi genitori furono persone illustri, in un certo tempo ricchi, … in altri tempi dovettero essere poveri, a motivo delle guerre e delle fazioni che vi furono sempre  e mai vengono meno, soprattutto, in Lombardia. Dicono che il suo lignaggio fosse generoso e molto antico…”. Passiamo ora alle famose  Historie, attribuite al figlio di Colombo, Fernando: egli dice, “ … ritornando alle qualità e alle persone dei suoi genitori, … essendo per cagione delle guerre e parzialità della Lombardia ridotti a bisogno e povertà, …”.  Ed eccoci ad una terza importante testimonianza, quella di Gonzalo Fernandez  de Oviedo. L’Oviedo era paggio del principe Giovanni, l’erede della corona spagnola morto in giovane età; assistette al trionfale arrivo di Colombo dal primo viaggio e di lui dice: “ I suoi antenati sono originari della città di Piacenza, in Lombardia, che si trova sulla riva del Po, dell’antica e nobile famiglia dei Perestrello”.  Vediamo che  cosa racconta della sua famiglia lo stesso Ammiraglio. Secondo il De Las Casas egli lascia intendere, in una lettera, che la sua famiglia era legata alle attività mercantili. Analizziamo ora un interessante passo della lettera di Cristoforo al governatore Nicolò Ovando , scritta durante il quarto viaggio nelle Indie. Laddove parla di Bartolomeo Fieschi, oltre a definirlo suo parente (deudo), dice anche che: “ discende dai più importanti uomini (los principales) della sua terra”. Indirettamente Cristoforo Colombo conferma le affermazioni del De las Casas, di Fernando e dell’Oviedo, perché, se la sua famiglia fosse stata originaria di Genova, avrebbe dovuto dire “della nostra terra”, dato che Bartolomeo Fieschi era uno dei Fieschi di Genova. Stando a tali  testimonianze, i Colombo non erano dunque originari della Liguria, ma della Lombardia. Allora, come nasce l’ipotesi di una famiglia Colombo originaria di Genova? Nasce dalle affermazioni del notaio genovese Antonio Gallo, secondo il quale Cristoforo era figlio di due lanaioli di Genova.  Le sue affermazioni sono poi state riprese dal vescovo Giustiniani, autore degli “Annali della Repubblica di Genova”, un’opera che conobbe  notevole diffusione. Il notaio Gallo conosceva Cristoforo o la sua famiglia? Sicuramente conosceva la famiglia dei Colombo di Genova-Quinto; sulla famiglia dello Scopritore non aggiunge però nulla che tutti non sapessero. Egli non dice il nome dei genitori o di altri parenti e non fa il minimo cenno al fatto che la famiglia si fosse trasferita a Savona per oltre dieci anni. Abbiamo, dunque un contrasto fra tale testimonianza e le altre sopra menzionate. A questo punto cerchiamo di approfondire la questione esaminandola sotto un profilo cronologico. Gonzalo Fernandez  de Oviedo, si era posto al servizio del duca di Milano e si era recato a Genova nel 1499, soggiornandovi per oltre quattro mesi. Egli afferma: “ Secondo quanto ho saputo dagli uomini della sua nazione, fu nativo della Provincia di Liguria…. Alcuni dicono che era (nativo )di Savona,… altri di Nervi, e, per cosa più sicura si ritiene che fu nativo di un luogo detto Cugureo (Cogoleto)”. Ora, sembrerebbe evidente che, nel 1499, a Genova non risiedesse nessun membro della famiglia Colombo, altrimenti non si spiegherebbe il fatto che l’Oviedo, pur rimanendovi a lungo, abbia raccolto delle informazioni così generiche. L’Oviedo è però il primo a citare il nome del padre di Cristoforo: Domenico. Riassumendo: la famiglia Colombo, pur avendo dei legami con Genova, non era originaria di Genova, ma della Lombardia e Cristoforo non era nato a Genova, ma vicino a Genova. Teniamo presente che siamo sette anni dopo la scoperta dell’America, e Cristoforo e i suoi fratelli erano diventati famosi, ma sembrerebbe del tutto evidente che a Genova non  sapevano più di tanto sulle origini del Descubridor. Siamo dunque nel 1499; vediamo ora un documento di epoca successiva, del 1535. E’ il documento “De Uhagon”, relativo ad un nipote del Grande Ammiraglio, Diego, nel quale si afferma che Cristoforo Colombo era nato a Savona. Passiamo quindi al 1578, quando, dopo la morte di un altro Diego Colombo, pronipote di Cristoforo, si apre una lunga causa di successione per la cospicua eredità in gioco. A questa causa, oltre ai discendenti spagnoli di Cristoforo, avrebbero potuto accedere anche quelli italiani. Chi si presentò dall’Italia? La risposta, in base a quanto abbiamo visto sin’ora, sembrerebbe ovvia: un discendente di una famiglia Colombo, originaria della Lombardia, ed un discendente di una famiglia Colombo, originaria di Cogoleto. Dei Colombo di Genova-Quinto, i tessitori di cui parla il notaio Gallo, naturalmente, nessuna traccia. Addirittura il Senato della Repubblica di Genova appoggiò ufficialmente Bernardo Colombo di Cogoleto, qualificandolo quale discendente del Grande Ammiraglio.  Ora, pur non entrando nel dettaglio della complicata causa di successione colombiana, bisogna prendere atto che Bernardo Colombo di Cogoleto venne escluso dalla causa stessa, mentre l’altro pretendente italiano, il “ginovès” Baldassarre Colombo di Cuccaro, partecipò alla causa stessa sino al secondo grado di giudizio, conclusosi solo nel 1608. Ora, quello che mi preme mettere in evidenza è semplicemente che, la partecipazione alla causa di questi due personaggi, Bernardo, dei Colombo di Cogoleto, e Baldassarre, dei Colombo di Cuccaro, è perfettamente in linea logica con tutte le testimonianze dei contemporanei che conoscevano Cristoforo Colombo e la sua famiglia. Per l’approfondimento della causa del “Maggiorasco” si possono consultare vari testi: i più importanti mi sembrano: “Gli Atti del II Congresso Internazionale Colombiano (CE.S.CO.M., Cuccaro, 2009) e il libro di Guadalupe Chocano Higueras, “La cuna y origines de Cristobal Colon” (Palafox e Pezuela editori, Madrid 2006.)

Filippo De Nobili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *