mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Attualità > La festa di Sant’Ignazio a Tosse

La festa di Sant’Ignazio a Tosse

Il 31 luglio, nella borgata di Tosse (comune di Noli), si è celebrata con tanto di processione solenne la Festa di Sant’Ignazio il fondatore della Compagnia di Gesù. Papa Francesco ha ricordato il carisma del santo, attirato dalla gloria di Dio, attraverso un tweet. parlando della sua attualità e del suo legame con l’opera di Bergoglio. “Sant’Ignazio di Loyola, che oggi ricordiamo, da giovane soldato pensava alla propria gloria, poi invece è stato attirato dalla gloria di Dio, che ha dato senso alla sua vita”. Così il Papa ed i gesuiti, hanno sottolineato come Sant’Ignazio incarni i tre punti chiave dell’attuale Pontificato: la Chiesa in uscita, il discernimento e la sinodalità, simboleggiata dal popolo in cammino sotto la guida dello Spirito Santo. “I gesuiti – è stato precisato – vivono il carisma di Sant’Ignazio in termini di servizio, seguendo Gesù e cercando di imitarlo nel modo più reale e più profondo. E questo vuol dire aiutare le persone a conoscere il Vangelo e ad orientare bene la loro vita”.  Della modernità di Sant’Ignazio abbiamo due dimensioni:
una è quella dell’aiuto, dell’ispirazione, della ricerca spirituale personale di ognuno. Il libretto degli esercizi spirituali, e l’aiuto alla ricerca della volontà di Dio nella propria vita, è un messaggio universale che Ignazio dà e che è apprezzato anche al di fuori della Chiesa cattolica. Poi, nella concretizzazione che se ne ha nella Compagnia di Gesù, cioè nei religiosi che si uniscono come corpo per seguirlo, diventa piuttosto un carisma di servizio sulle frontiere della Chiesa e del mondo dove ci sia bisogno di aiutare le persone ad incontrare il Signore. Ecco, è un servizio che si svolge anche sotto la disposizione del Papa e delle indicazioni per le necessità maggiori della Chiesa universale. Ma qual è l’influenza di Sant’Ignazio sul pontificato di Francesco? ci siamo chiesti. Francesco è un gesuita, lo dice, lo riconosce, lo si sente. Direi che, come gesuiti, gli aspetti in cui ci si sente molto in sintonia con Francesco e il suo pontificato sono tre. Il primo è il fatto della Chiesa in uscita di cui lui ha sempre parlato: i gesuiti si sentono persone in missione, inviate per servire il Signore ai confini, alle periferie e in tutti i luoghi del mondo. Il secondo è quello di andare sempre al di là, una grande dinamica, non sentirsi fissati, ma capire che il Signore ci chiama sempre un passo più in là. Sant’Ignazio parlava di una gloria di Dio sempre più grande, nel senso che noi non riteniamo mai di essere arrivati, di poter metterci tranquilli, seduti perché tutto è fatto. In Francesco è forte questo senso della dinamica, del popolo in cammino, del popolo di Dio accompagnato dallo Spirito Santo che va sempre oltre la sinodalità e così via. Il terzo aspetto, abbastanza caratteristico dei gesuiti, è il discernimento. Una parola che ritorna continuamente in Francesco, cioè essere capaci di vedere nella complessità della realtà, sia nelle nostre vite sia nelle realtà che la Chiesa e che l’umanità affrontano, qual è la via migliore per realizzare il piano di Dio e quindi per realizzare noi stessi così come siamo chiamati da Dio nella nostra vocazione e nella vocazione al servizio della Chiesa.Tornando alla nostra realtà provinciale savonese la chiesetta di Sant’Ignazio è un luogo di culto cattolico situato nella frazione di Tosse sede della parrocchia omonima facente parte del vicariato di Finale Ligure-Noli della diocesi di Savona-Noli. Fu eretta a parrocchia autonoma tra il 1747 e il 1748. Dalla facciata semplice, si presenta a navata unica di modeste dimensioni con volta a botte e campanile barocco. L’interno è dipinto, vi si trovano due cappelle laterali e tra le altre opere conserva una tela del pittore Gregorio De Ferrari e un tabernacolo in marmo risalente al 1523.
Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *