domenica, Agosto 25, 2019
Home > Attualità > La fondazione Oddi, di Albenga, ha un nuovo direttore

La fondazione Oddi, di Albenga, ha un nuovo direttore

Venerdì 22 settembre scorso, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione “G. M. Oddi” di Albenga, presieduto dall’Avvocato Alessandro Colonna, ha conferito l’incarico di Direttore della Fondazione, con compiti gestionali e di coordinamento, per la valorizzazione della struttura museale e dei servizi ad essa connessi, al Dott. Riccardo Badino, Dirigente Scolastico da poche settimane in pensione, dopo una lunga carriera dedicata alla scuola e, in essa, all’infanzia e all’adolescenza.

Il sindaco Giorgio Cangiano esprime soddisfazione per la nomina: “Ho condiviso e apprezzato la nomina dell’ex dirigente scolastico Riccardo Badino, uomo di cultura che porterà all’interno della Fondazione il suo bagaglio di esperienza e capacità. Mi congratulo con lui augurandogli buon lavoro”.

La figura del Direttore è contemplata dallo statuto della Fondazione, ma è la prima volta che la nomina viene assegnata. Spiega il presidente Colonna: “La nomina del Dott. Badino quale Direttore della Fondazione e’ stata una decisione condivisa dal Consiglio di Amministrazione all’unanimità. Riccardo e’ una persona preparata e capace sono sicuro svolgerà un ottimo lavoro”.

Il Neo Direttore ha illustrato ai Consiglieri di Amministrazione e al Presidente del Collegio dei Revisori un possibile programma di iniziative da realizzare nel breve e nel medio periodo. Badino ha evidenziato come l’esperienza scolastica lo conduca a favorire e a proporre attività di tipo divulgativo e formativo, rivolte al complesso della comunità locale, ai turisti, ai giovani. Il programma è suddiviso in diverse aree di contenuto e di intervento che mettono in rilievo il ricco, e forse non troppo noto, patrimonio della fondazione.

Storia ed archeologia: ad oggi l’offerta di fruizione dei diversi giacimenti culturali ed artistici della città, pur risultando particolarmente ricca e significativa, soffre di problemi e difficoltà organizzative nel coordinamento fra le diverse competenze e responsabilità dei soggetti che ne sono titolari. Per questa regione si promuoveranno occasioni di confronto quali conferenze e corsi di formazione all’interno dei quali sviluppare proposte per una gestione unitaria e ottimizzata del patrimonio locale. In tal senso risulteranno decisivi gli apporti scientifici, metodologici e didattici delle Istituzioni quali le Sovraintendenze e le Università. Altrettanto importanti e decisive risulteranno le disponibilità alla collaborazione che gli istituti e i sodalizi già operanti localmente.

Arti figurative: ricerca e promozione dell’espressione e della creatività giovanili nella rappresentazione grafica e/o plastica con testimonianze provenienti da atelier privati, ma anche dalle scuole, in particolare dai Licei artistici, realizzando una vera e propria biennale dell’arte giovanile.

Letteratura, filosofia e forme comunicative: ricerche recenti e anche remote consegnano il preoccupante segnale di un atteggiamento di progressivo abbandono della lettura da parte dei ragazzi più grandi e, più in generale, degli adulti. Nello stesso tempo grandi e piccoli tendono a ridurre a termini essenziali le comunicazioni di carattere verbale che le tecnologie dei cellulari e della telematica tendono addirittura a far scomparire sostituendole con disegnini o faccine a cui la comunicazione dovrebbe limitarsi. Questa preoccupante degenerazione deve essere combattuta e può essere d’aiuto tornare ai testi filosofici e letterari che, nella storia della civiltà occidentale, hanno cercato di dare risposta ai grandi interrogativi che ciascun essere umano, ma anche l’intera umanità, si pone da sempre.

Promozione delle attività musicali e coreutiche presenti sul territorio e costruzione di occasioni che favoriscano eventi di particolare qualità in questo campo. I rapporti che le scuole ad indirizzo musicale come l’istituto secondario di I grado Mameli/Alighieri del Comprensivo Albenga 1 potranno veder valorizzate le proprie attività e i propri corsi attraverso il sostegno e la collaborazione della Fondazione in occasione delle manifestazioni a cadenza annuale quali i concerti di Natale e di fine anno scolastico e il concorso nazionale “Renzo Rossi”. La ricerca di gemellaggi e parternariati internazionali potranno determinare l’occasione di esecuzioni comuni con orchestre e gruppi provenienti da altre Nazioni, come già avvenuto nel recente passato.

Ultima ambizione espressa durante la riunione del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Oddi è quella di richiedere al Comune di Albenga ed eventualmente ad altri Enti Locali circostanti, di farsi promotori della redazione e della successiva adozione di un originale e sperimentale “Piano regolatore” della cultura. Uno strumento che renda più facile la fruizione del patrimonio dei beni culturali, la loro valorizzazione e, nello stesso tempo, di una disciplina condivisa riguardante la sostenibilità di interventi di recupero, di dimensionamento e di sopportabilità degli accessi e di promozione della divulgazione e diffusione del nostro patrimonio di cui tutti i cittadini debbono sentirsi consapevoli e impegnati per la sua tutela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *