domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > La leggenda della Cuneo-Pinerolo

La leggenda della Cuneo-Pinerolo

Il 10 giugno rivive la tappa ormai lontana dove trionfò Coppi

Come abbiamo annunciato nel pezzo di stamattina “Settant’anni dalla Cuneo-Pinerolo”, ci si prepara alla rievocazione della storica tappa, “La più bella di tutti i tempi”, come venne definita nel 2012 da una votazione di cento giornalisti internazionali; Coppi iniziò subito una fuga invincibile e trionfò in solitaria sorpassando di 11’52’’ Gino Bartali (1914-2000) il grande rivale e di 19’14’’ Alfredo Martini (1921-2014), un altro grande del ciclismo italiano, che divenne poi il ct della Nazionale italiana. Gino Bartali, arrivato secondo, dichiarò: “Ho forato tre gomme, e per giunta due volte ho dovuto fermarmi perdendo quattro minuti per l’entusiasmo dei tifosi”; Martini si assegnò il terzo posto; ebbe ad affermare: “Quando stavo rientrando in albergo, a tappa conclusa, mi entrò nella testa che quel tracciato non lo aveva visionato alcuno. Una tappa impostata sulla carta geografica, ma mai visionata”.  Rievocare quel giorno lontano è proprio compito di appassionati come Rinaldo Passarotto, uno degli animatori del Museo della Bicicletta di Cosseria e ciclista amatore collezionatore di medaglie e di primi premi, che ci ha parlato della manifestazione!

Tutto si svolgerà secondo regole precise, con un programma che farebbe tremare le ginocchia al più risoluto pedalatore: ritrovo a Cuneo, lunedì 10 giugno, di fronte al Palazzo Comunale,  alle ore 3.15 del mattino – notare bene, non 15.15 del pomeriggio – partenza alle ore 4,00, in qualunque condizione climatica e con le modalità dell’escursione individuale; sarà presente un padrino d’eccezione, Vittorio Seghezzi (Romano di Lombardia, 1924), uno dei ciclisti della storica tappa, terzo alla dodicesima ed alla quindicesima di quello stesso “Giro” del 1949,che darà il via e condurrà il gruppo per le prime pedalate.Sono previsti quattro rifornimenti, uno a Bersezio – Argentera, due in Francia,a Guillestre ed a Briançon, l’ultimo a Sestrieres; si transita sullo stesso aspro percorso collinare e montuoso, con arrivo a Pinerolo, previsto per le ore !9,00. Le biciclette devono essere rigorosamente d’epoca con telai da corsa coevi ai cambi di velocità prodotti fra il 1946 ed il 1950.Lo stesso vale per freni e leve, mozzi e selle, che devono essere in cuoio. Maglie, manicotti, pantaloncini e gambali, cappellini, guanti, impermeabili – antivento, calze, scarpe, devono essere conformi all’abbigliamento di allora od originali; occhiali ed orologi, o senza oppure del periodo o similari, naturalmente bene accolti gli occhialoni con l’elastico o gli occhiali da sole alla Coppi!

Ce n’è abbastanza per una corsa appassionante seppure difficile, per un evento unico, quantunque promessa di fatica! Ed allora, pronti a partire per il 10 giugno!

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *