Attualità

La Liguria in numeri sull’Annuario regionale

Diminuisce la popolazione ligure e aumentano i nuclei familiari composti da un’unica persona e da un solo genitore “che introducono – è il commento dell’assessore regionale al Bilancio Pippo Rossetti (nella foto) – una fragilità della coesione sociale del nostro territorio”. Tiene l’occupazione nel 2011, grazie ai servizi, ma già prefigura le difficoltà occupazionali vissute nel 2012.

Sono dati contenuti nell’annuario statistico regionale 2012, presentato oggi in Regione Liguria alla presenza, tra gli altri, del presidente e del segretario generale di Unioncamere Liguria, Luciano Pasquale e Maurizio Scajola, di Riccardo Podestà, direttore di Liguria Ricerche e di Elena Ricci, dirigente del settore statistica della Regione. “Dai dati esposti – ha aggiunto Rossetti – appare evidente che tra le nostre priorità devono esserci la difesa dell’economia e del lavoro, il sostegno al turismo che nel 2011 ha tenuto, grazie alla presenza degli stranieri, e ai servizi. Ma servono anche politiche di sostegno alle donne e alle famiglie per invertire la decrescita demografica”. Dai dati presentati questa mattina risulta che la popolazione ligure, dopo qualche anno di crescita determinata dalla componente migratoria, ha fatto registrare nel 2011 una diminuzione pari a – 0,7 per mille abitanti. Per quanto riguarda i matrimoni in Liguria nel 2011 vi è stata una maggiore incidenza dei matrimoni tra stranieri e tra italiani e stranieri. Se infatti a livello nazionale i matrimoni tra italiani e stranieri rappresentano il 7% del totale, in Liguria raggiungono l’11%. Per quanto riguarda il lavoro nel 2011 vi è stato un incremento dello 0,7% della forza lavoro, conseguente all’aumento dell’occupazione dell’1%, superiore a quanto rilevato a livello nazionale (+0,4%). Aumento che riguarda però solo il terziario (+1,8%), mentre cala sia per gli addetti in agricoltura (-6,2%) sia per quelli dell’industria (-1,3%). Dati che cambieranno nel secondo trimestre 2012 con un aggravamento: diminuisce dello 0,3% sia la forza lavoro, sia gli occupati (-4,1%). Nel 2011 si registra uno sviluppo positivo per le imprese artigiane, pari all’1% a livello regionale, che in provincia di Genova raggiunge l’1,6%. Diminuiscono le imprese industriali che fanno registrare un -1,8%. Sul fronte turistico aumenta l’arrivo degli stranieri, con un più 400 mila unità, calano invece di 65 mila unità i turisti italiani. Da parte della popolazione ligure vi è una percezione negativa della situazione economica, testimoniata anche dalla spesa media per famiglia che risulta inferiore a quella del Nord Ovest. A sorpresa i liguri risultano fedeli utenti del trasporto pubblico locale, con il 46% di persone che utilizzano i mezzi pubblici contro un 28% di utilizzatori nel Nord Ovest e un 25% a livello italiano. In generale vi è una buona considerazione del Tpl, compresi i treni, più elevata che nel resto del Paese. Le maggiori critiche sono espresse verso le tariffe e i rincari e sulla frequenza dei mezzi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: