lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > La Locandiera di Goldoni al Festival teatrale di Verezzi

La Locandiera di Goldoni al Festival teatrale di Verezzi


di - 26 Luglio 2011, 17:01

Nathalie Caldonazzo e Franco Castellano sono gli interpreti della Locandiera, la celebre commedia di Carlo Goldoni che andrà in scena dal 28 al 30 luglio, in prima nazionale, al Festival Teatrale di Borgio Verezzi (Savona), nell’adattamento firmato dalla regista Caterina Costantini (piazza Sant’Agostino, ore 21,30).  Lo spettacolo, divertente e spumeggiante, è centrato sul corteggiamento del cavaliere di Ripafratta nei confronti di Mirandolina, archetipo della donna dal carattere forte e volitivo che, conscia del proprio fascino e delle proprie possibilità, riesce ad ammaliare e soggiogare tutti i personaggi maschili della commedia.

La trama è nota: Mirandolina gestisce una locanda con l’aiuto del cameriere Fabrizio. All’arrivo del Cavaliere di Ripafratta, convinto misogino che si vanta di essere immune al fascino femminile e addirittura nemico delle donne, Mirandolina mette in pratica tutte le sue arti di seduzione e riesce a farlo innamorare di sé. A quel punto, però, ne rifiuta la corte e concede la propria mano a Fabrizio, da sempre innamorato di lei. “Mirandolina è un personaggio che si rifà alla maschera della commedia dell’arte di Colombina, evolvendola da stereotipo a personaggio a tutto tondo. – dice la regista Caterina Costantini – E’ il prototipo di donna che in quegli anni si batteva per ottenere un nuovo e più importante ruolo nella società. Goldoni ne rende testimonianza fedele nel suo teatro, aderendo alle spinte modernizzatrici che oltre due secoli fa scuotevano l’Europa. E’ una delle prime femministe. E’ un personaggio che recepisce il cambiamento. Non è nobile ma non appartiene neanche alla plebe, è una rappresentante del ceto medio, di quella borghesia che si ribellò alla nobiltà”. Dopo il debutto in prima nazionale a Borgio Verezzi, lo spettacolo farà tappa nel corso dell’estate al Festival di Sarsina e al neonato Festival di Palinuro, gemellato con la stagione verezzina.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *