domenica, Giugno 16, 2019
Home > Attualità > La Madonna Medjugorje “La postina celestiale”

La Madonna Medjugorje “La postina celestiale”

Madonna di MedjugorjeE’ un miracolo di Dio questo nostro Papa Francesco, limpido e diretto nei Suoi propositi di ricondurre la Chiesa alla vera funzione di faro Cristiano, senza guardare in faccia nessuno, senza ipocrisie, senza smarrimenti, senza paura o condizionamenti dalla potente Curia Romana, dallo Ior, senza gli errori del recente passato; un’impresa tanto coraggiosa quanto difficile, speriamo non impossibile, ricordando con timore quel Suo pubblico accenno ‘vivrò poco’ che prelude ad eventi al momento imperscrutabili. E’ di questi giorni una Sua presa di posizione, pur non esplicita, sul caso delle apparizioni della Madonna di Medjugorje, un’anticipazione del giudizio probabilmente negativo, o parzialmente, su questo ‘fenomeno’  iniziato dal 1981 in Erzegovina; a giorni verrà resa nota la esaustiva relazione svolta da una commissione di teologi ed esperti guidata dal Cardinale Camillo Ruini, relazione posta alla valutazione della Congregazione per la Dottrina della Fede che si esprimerà in proposito per poi essere sottoposta alla decisione di Papa Francesco. Nella recente omelia di Santa Marta, Papa Francesco ha parlato ‘di coloro che sempre hanno bisogno di novità nell’identità cristiana’, di quei veggenti che affermano di ricevere quotidianamente, alle quattro in punto di ogni pomeriggio la consegna di una lettera da parte della Madonna.
Di queste ‘lettere’ poco si sa, dove sono custodisce e quant’altro, mai divulgate pubblicamente se non per accenni, senza  per forza essere blasfemi facciamo fatica, e un poco d’ironia, ad immaginare la Madonna nel ruolo di postina celestiale, che abbia necessità di questi mezzucci per rendere noto il Suo pensiero ai tre ‘veggenti ufficiali’, uno di loro in una apparizione il due di ogni mese, gli altri in una sola nel corso dell’anno.
Già il 13 novembre 2013, sempre in Santa Marta, Papa Francesco aveva criticato questi veggenti, con implicito riferimento riconducibile a Medjugorje, che si esprimevano con ‘il Signore è qua, è di là’, veggenti a loro dire destinatari prediletti delle lettere della Madonna. Per Fatima la Chiesa ha confermato le apparizioni del 1917 e non per gli anni successivi, ignorando le ‘rivelazioni’ che tanto scalpore avevano suscitato le misteriose lettere di suora Lucia dos Santos consegnate direttamente a Papa Giovanni Paolo II, con  la preveggenza, tra le altre, dell’attentato criminoso che il Papa avrebbe poi subito il 13 maggio 1981 in Piazza San Pietro ad opera di Mehmet Ali Agca.
Con buona pace e serenità del giornalista Paolo Brosio fervente e limpido assertore dei fatti ai quali ha dedicato alcuni suoi libri  (recentemente vittima di uno stupido quanto ignobile scherzo, ripreso furtivamente in video tv, facendogli credere di essere in conversazione telefonica chiamato direttamente dal Papa):  fra alcuni giorni sarà tutto più chiaro, se confermati gli eventi miracolosi di Medjugorje, o ridimensionati, o non veritieri, Papa Francesco non sbaglierà.
 
Gianni Gigliotti
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *