martedì, Aprile 23, 2019
Home > Attualità > La mafia in Liguria è invisibile?

La mafia in Liguria è invisibile?


di - 11 Novembre 2011, 17:15

Ieri si è svolto, nella Sala Rossa del Comune di Savona, l’ultimo appuntamento del ciclo di conferenze “ Soldi buoni, soldi cattivi” , sul tema della mafia sul territorio ligure, con l’intervento della Dott.ssa Anna Canepa, della Direzione Nazionale Antimafia Dopo un’ introduzione sull’origine delle “mafie storiche” (camorra, Cosa nostra siciliana, ‘ndrangheta), la Dott.ssa Canepa ha approfondito le caratteristiche comuni a tutte le organizzazioni: il ricorso abituale alla violenza, la politica del “ pizzo”, allo scopo di controllare il territorio, l’applicazione della pratica dell’omertà, della segretezza, la messa a disposizione di protezione ed il fatto che, nel corso del tempo, abbiano praticato e coltivato il rapporto con le istituzioni.

Il fenomeno, ormai, è un dato strutturale del Paese ed un problema che purtroppo riguarda l’Italia intera. Da tutto ciò si evince che le “mafie” non sono più limitate al territorio in cui sono storicamente nate, ma sono approdate al Nord Italia e quindi anche in Liguria. Fino a non molto tempo fa non esistevano dati giudiziari relativi alla nostra Regione, si diceva che la Liguria era un’isola felice, anche se vi erano stati vari tentativi per fare processi. Se ci chiediamo come le Mafie siano arrivate nel nord Italia, si può dire che un primo tentativo sia stato nel periodo post bellico. Con la ricostruzione vi fu la possibilità di mettere in moto un gran numero di affari. Successivamente le organizzazioni mafiose iniziarono ad inserirsi nel contrabbando di sigarette e la Liguria cominciò a diventare un luogo essenziale, data la presenza di porti .Questo è accaduto ed accade tuttora con il traffico di sostanze stupefacenti, che costituiscono la principale fornitura di denaro liquido per le organizzazioni mafiose. Ne consegue la necessità di ripulire il “ denaro sporco”e quindi il riciclaggio con l’investimento in attività lecite. Il magistrato ligure ha poi analizzato le caratteristiche della Mafia in Liguria . Non pratica, se non in casi di estrema necessità, la violenza e cerca in tutti i modi di farsi strada nel tessuto sociale, attraverso la penetrazione nelle attività economiche lecite. Per questo si può parlare di “mafia invisibile”, con la conseguenza di un’estrema difficoltà nel condurre le indagini. Dal 2008, ossia da quando ha cominciato a manifestarsi la crisi economica, le organizzazioni mafiose hanno trovato un maggior terreno fertile per la loro espansione. Esse hanno ingenti capitali liquidi ed attraverso ciò si inseriscono nel sistema produttivo. Le imprese, da vittime dell’estorsione , diventano (soprattutto se di piccola dimensione), una preda da utilizzare, attraverso le quali si penetra nel tessuto legale. Le organizzazioni mafiose si propongono come finanziatori, offrendo prestiti usurai (anche a tasso zero), chiedendo in cambio quote delle società, con i soci già esistenti come prestanome ed in questo modo si stanno introducendo anche in società quotate in Borsa. Così le organizzazioni mafiose, le quali non hanno difficoltà nell’accumulare ricchezze, ma hanno il grosso problema di giustificarle, diventano investitrici e parte integrante del tessuto economico, anche della nostra Regione. Per cercare di contrastare questo problema, il livello di attenzione deve rimanere alto da parte di tutti i soggetti coinvolti nelle attività economiche e nelle istituzioni del nostro territorio perché , secondo il magistrato : “Il tessuto sociale è sano e la Regione sta rispondendo bene”.

Stefania Scarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *