martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Rubriche > I lampi e la luna > LA MANCANZA DI UN TEMPO

LA MANCANZA DI UN TEMPO

Non abbiamo nostalgia dei tempi che furono né di cio’ che questi contenevano. Non abbiamo nostalgia di antichi oggetti obsoleti. Non ci mancano arnesi e materie quasi dimenticati né gli ambienti né le situazioni storiche. Non ci mancano quelle sofferenze di vita che adesso ci appaiono fulgenti in confronto a quelle presenti.Noi abbiamo la nostalgia di una età. La nostra. Se per un attimo potessimo tornare indietro, mutando solo l’età e le presenze, saremmo ugualmente felici. La nostalgia di cose è una mancanza di noi. Siamo noi a non esserci più. Lo struggimento per come eravamo e la consapevolezza di come siamo diventati. I ” bei vecchi tempi” non sono fatti di oggetti o di regole o di stili di vita, sono fatti di persone, sono composti di assenze nel presente. La malinconia nostalgica non è la cucina profumata della nonna. E’ la nonna. E’ lei che, se ricomparisse per l’incantesimo della Fata Saggezza, farebbe suo qualsiasi ambiente. Sarebbe in jeans, sarebbe social. Non rivogliamo l’antico in quanto vecchio e vissuto, ma rivogliamo il passato e rivogliamo noi per come eravamo allora.Non esiste nessun ” buon tempo” oggettivo. La vita è un viaggio difficile, la storia tende a ripetersi, la malvagità non ha mai avuto momenti di debolezza, il sole è sempre sorto ad Est ed è tramontato con gli stessi colori. Il mobile cadente dove il padre intagliava il legno, se di altri, se sconosciuto a noi, è solo un tavolaccio da buttare. Se è nostro, se l’abbiamo nella nostra memoria con accanto la figura di nostro padre, allora diventa insostituibile, diventa amore perduto e legno che parla, che comunica ancora con noi. Diventa memoria d’amore. La nostalgia non è legame con dolori meno forti di adesso. Quelli non sono mutati. Non è rimpianto del bene universale. Le sofferenze esistono e fanno male. Lo fanno sempre. In ogni tempo e in ogni luogo. La nostalgia è sempre mancanza di un amore che c’era e che sappiamo che non ritornerà. La nostalgia è di noi per come eravamo quando quell’amore era presente a dispetto di ogni realtà che stava intorno. Le vecchie case riscaldate da un camino che non bastava adesso sarebbero invivibili, ma siamo noi che stiamo peggio. E pensiamo di vivere un tempo sbagliato, sotto un cielo diverso. Questi tempi nostri cosi dilaniati dall’incertezza e dalla paura diventeranno, nella nostra mente, un epoca incantevole. Perché noi siamo qui e perché anche gli altri ci sono. Per adesso. Per questo momento che ci vede spaventati, ma che acquisterà un valore unico fino a diventare la nostra leggenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *